Primavera (cor monno in guera)

Davero… sì! era tutta ‘n’antra cosa
la Primavera infin’a poco fa…
Era er ritorno in vita de ‘na rosa,
cor prato che tornava a verdeggià…

Le vòrte c’era un’aria nuvolosa
ma- però – senza mai esaggerà.
Vieniva l’ape a svolazzà curiosa,
e le regàzze, in tante, a sospirà…

Mo’, è tutto fòri tempo, come quanno
l’orchestra nun va appress’a la bacchetta,
e a chi ciabbàda je pò dà l’affanno!

Co Primavera è ita tale e quale,
ch’er tempo suo, mo’, nu lo rispetta,
e s’è ammischiata ar periodo invernale.

Er ventuno, ‘nfatti, s’è presentato
tutto ingriggìto, e puro ‘n po’ ingrugnato…
Forze sapeva già…de l’attentato…

Armando Bettozzi

Published in: on aprile 13, 2016 at 07:01  Comments (1)  

The URI to TrackBack this entry is: https://cantierepoesia.wordpress.com/2016/04/13/primavera-cor-monno-in-guera/trackback/

RSS feed for comments on this post.

One CommentLascia un commento

  1. Stupenda e vera poesia in vernacolo, che direi che accresce l’intensità del pensiero trasmesso, lo esalta, lo colorisce, lo appesantisce di drammaticità!
    Bravo, bravissimo Armando.
    Alberto B.


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: