Mysterion

Venti di rovo australi
gli elementi
del pianeta Terra,
soffiano,
ruggiono, foschi
gonfiano
sulla biosfera.

Compare,
sotto la pioggia, a un lampo,
un intrìco di boschi…
Tant’apparendo,
al mondo nuovo,
un intrìco di mari.
Mondo vivo e fosco
è come fischio
scosso
da un monte,
nell’ora tenebrina,
di un amore
angelico-diabolico.
Sembra a tutto
e a nessuno
sembra andare…

Il grave specchio,
greve, tenebroso
trémola in questo sempre
andar per l’infinito:
sta a spiare
il rosso, rosso violento,
viola grigio
d’orizzonte tramonto
del pensiero,
poi… buio.
Ammasso
di alghe verdi,
strepiti di mare,
di venti, sui viventi.

– Fisica – la morte aspetta
la morte,
che non fa sposi
dolore e gioia;
pianto e appagato
momento, unico, nel goder,
felice manto.

Paolo Santangelo

Published in: on aprile 26, 2016 at 07:00  Comments (2)  

The URI to TrackBack this entry is: https://cantierepoesia.wordpress.com/2016/04/26/mysterion/trackback/

RSS feed for comments on this post.

2 commentiLascia un commento

  1. Poesia estremamente evocativa
    Tinti

  2. Descrittiva e introspettiva! Piera


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: