Maria

Misericordia è bagnarti come un fiume
scoperta sopra i nervi e le vene portatrici.
Nelle tue brevità e nelle atlantiche incertezze
nei piccoli salmoni dei piedi
tra le unghie, che formano un cantiere di latte
e di conchiglie.
Misericordia e venti cicale, quando calda
sei Creta in un villaggio di calce, molle al bacio
superba come un volo che migra;
musicale
nei labbri participio passato. Un putto e un cedro
la festa dei limoni nel tuo girovagare
un posto dove hai niente capelli nella bocca
e l’aria può far quello che vuole. Una Madonna
finito il suo liceo di Betlemme, mica giusta
per fare un figlio pronto al destino.
Buccia e siero
la parte della mela che soffre stare in giro
misericordia per denti e mani, acqua veloce
giù per il tabernacolo fulvo
stessa schiuma
che viene quando il porto è lasciato
e vai per dove.

Massimo Botturi

Published in: on aprile 28, 2016 at 07:31  Comments (2)  

The URI to TrackBack this entry is: https://cantierepoesia.wordpress.com/2016/04/28/maria-2/trackback/

RSS feed for comments on this post.

2 commentiLascia un commento

  1. Massimo ha scelto l’immagine giusta,come sempre, per la tua lirica botticelliana. Bravo! Piera

  2. Un gran bel poetare per immagini e sentimenti

    super bravo1

    ggc


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: