Erfoud

Un tempo qui acque oceaniche profonde
vita marina fatta da specie e da colori
tanto tra lor diversi svariati fascinosi
oggi la solitudine il silenzio del deserto
dove il vento spesso domina e impera
petraie dove giaccion memorie del passato
morti fossili che puoi toccar con mano
e come per magia riveder quel mondo
antico e ridestar quelle vite e quei colori

Giuseppe Gianpaolo Casarini

Published in: on aprile 29, 2016 at 07:18  Comments (6)  

The URI to TrackBack this entry is: https://cantierepoesia.wordpress.com/2016/04/29/erfoud/trackback/

RSS feed for comments on this post.

6 commentiLascia un commento

  1. Semplicemente superlativa.
    De Simone

  2. Gran Bel Poetare
    Amico Caro e Poeta…. Unico
    Ciao
    Il Passero

  3. Bravissimo! Piera

  4. Bella! Rosy

  5. Bello questo quadro di Erfoud dove toccando i fossili con le mani, la fantasia può rivivere il tempo quando questa città del Marocco era soltanto un fondale marino.
    Giuseppe

    • A chi con cuor gentil qui sopra lesse
      e amabilmente dittò un pensier come
      commento suo il mio sentito grazie vada
      e di buon fine settimana il forte augurio

      ggc


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: