So…

questa notte
la mia nostalgia
si riflette sull’acqua del lago
dove la luna
danza con gli gnomi
dell’ombra patetica
so
che se n’è andata
senza lacrime
con i petali della mia rosa
stretti nella mano
chiusa in tasca
so
che era il mio sogno
il mio respiro
la luce dei miei occhi
il mio tutto
so
che il suo amore
era solo un gioco
e le sue parole mentivano
ma domavano i crampi
del mio cuore
e
so
che questa notte non posso
come non potei ieri
e non potrò domani
fare null’altro
che pensarla
e amarla

Giovanni De Simone

Published in: on maggio 1, 2016 at 07:19  Comments (16)  

The URI to TrackBack this entry is: https://cantierepoesia.wordpress.com/2016/05/01/so/trackback/

RSS feed for comments on this post.

16 commentiLascia un commento

  1. Dolcissimo mio poeta dell’amore
    Tinti

    • Dolcissimo è il tuo commento, carissima Tinti

  2. Il fatto di sapere ci può liberare o addolorare. l’amore è imprevedibile. Molto profonda. Rosy

    • Sì, l’amore è inprevedibile ma sa bene ciò che vuole. Grazie del tuo commento.

  3. Un amore del quale già si conosceva la fine, però accettata pur di averlo, quell’amore, anche solo per un attimo per non dimenticarlo mai più.
    L’essenza di questa poesia strappa il cuore!
    Sei un grande Giovanni!
    Alberto B.

    • Alberto , mi alzi agli allori poetici ed io ti ringrazio dall’imo del cuore per la tua stima.

  4. Struggente amore e sofferenza che l’anafora “so” conduce verso dopo verso dall’inizio alla fine.
    Complimenti Giovanni, versi che coinvolgono tanto.
    Giuseppe

    • Grazie del tu ben accetto commento, Giuseppe.

  5. Splendida lirica d’amore e l’amore puo’ dare grande sofferenza…so…Piera

    • L’amore è l’amore. Grazie Piera.

    • L’amore è l’amore. Grazie Piera

  6. Disarmante questa tua bella
    Nella consapevolezza di quel “so” che
    Può “uccidere” ma che in amore può “succedere”. (leggeti Schopenhauer in Metafisica dell amore sessuale, interessanti…. considerazioni scoprirai)
    Ciao caro Giovanni
    Il Passero

    • Grazie caro amico poeta Passero. Rileggerò Schopenhauer.

      • Allora se l’hai già letto
        Caro Giovanni
        Felice della Tua Realtà.
        Un caro saluto
        Il Passero

  7. Questi versi mi hanno fatto comprendere come un’uomo-poeta possa conoscere l’Amore nelle più alte sfere. Mi hanno travolto, i tuoi versi, e come vorrei che un uomo provasse per me quei sentimenti così forti e veri e li immortalasse in poesia! Fortunata colei che è tanto amata!

  8. Ho postato un commento, ma non è apparso. Dicevo che hai decantato l’amore portandolo nelle più alte sfere, e fortunata colei che è stata tanto amata, tanto da vivere ancora nel ricordo


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: