C’era una volta un Ceppo

C’era una zia Suora e un antico Ospedale

a Pistoia.

C’è un nipote tuttora, che andava a trovarla

a Pistoia.

L’ospedale da secoli ha ospitato ammalati, la zia Suora

a Pistoia

sessant’anni solo ha curato persone.

 

Il nipote giocava bambino nel parco d’alberi Pini

a Pistoia.

Diventava grande, la zia suora per lui

restava la stessa nel porgere mani

a Pistoia.

 

Un giorno, Suor Cesarina è Medaglia al Valore

a Pistoia:

“Volti di un Cristo disperso

in quei giorni codardi mi guardano ancora.

L’acciaio ha raschiato lacrime al pianto, non solo

a Pistoia.

Di tanti neppure un nome e di certo

il sangue indossato ha una sola tintura:

– Ho salvato Partigiani – dicono

a Pistoia.”

 

Anche questo nei secoli

nel glorioso Ospedale del “ Ceppo”

a Pistoia.

 

Giampietro Calotti C.

Published in: on maggio 10, 2016 at 07:02  Comments (2)  

The URI to TrackBack this entry is: https://cantierepoesia.wordpress.com/2016/05/10/cera-una-volta-un-ceppo/trackback/

RSS feed for comments on this post.

2 commentiLascia un commento

  1. Bella questa dedica a un antico ospedale di Pistoia
    Mi piace evidenziare un verso “il sangue indossato ha una sola tintura”

    Bravo Giampietro!

  2. Mi associo al commento di Giuseppe.
    Bravo!

    Graziella


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: