I poeti

(Dannunziana)

Settembre, andiamo. E’ tempo di tornare.
Ora in terra di casa i miei sitani
tornan satolli e dalle amate sponde
al sito antico vanno ch’è accogliente
e azzurro è, quanto il partito mare.

Emozioni han bevuto lungamente,
sì che sapor di salso rimarrà
nei cuori tristi esuli a conforto
che lungo imbrogli la lor sete in via.
Rinnovato hanno forze per poetare

e vengon sul tratturo vecchio e sano,
quasi a cercarvi pace e comprensione,
correndo strada degli antichi padri.
O quanto dolce è il risentir fremente
il dolce canto della poesia!

Ora lungh’esso il web staranno lieti,
è calma l’aria e meste son le menti.
Vigila il Vate e spera che ci sia
qualcuno che tra lor superi Dante.
E cascan, sprizzan, spruzzan versi dolci.

Ah, perché non fui pur io co’ ‘stì poeti?

Piero Colonna Romano

Published in: on maggio 15, 2016 at 07:10  Comments (5)  

The URI to TrackBack this entry is: https://cantierepoesia.wordpress.com/2016/05/15/i-poeti-5/trackback/

RSS feed for comments on this post.

5 commentiLascia un commento

  1. Caro Piero sei un grande!
    Un cordial saluto

    ggc

    • Grazie, caro Giuseppe. Un caro saluto. Pero

  2. Bravo Piero, Molto simpatica la tua poesia!
    Una bella domenica sera!
    Giuseppe S.

    • Grazie, caro Giuseppe. Un caro saluto. Piero

  3. Ci sei già Piero😉 Grazie di cuore
    Simone


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: