Buonanotte

Barcarolle
 .
Buonanotte,
sulle tue labbra come un soffio di brezza gentile.
 .
Buonanotte, 
sulla tua pelle, come una tempesta di baci…
 .
Buonanotte, 
dentro di te…come un uragano di passione
 .
Ondeggiando…assecondando l’onda 
ci addormenteremo, cullati da una Barcarola
 .
Danila Oppio
Published in: on maggio 16, 2016 at 07:41  Comments (6)  

Distopica

ci separò da amebe ed infusori
ci corredò d’encefalo e colonna
occhi, frattaglie, coliche, verruche
peli superflui e posizione eretta

sarebbe stato meglio farci a palla
ché rotolando avremmo scorto il cielo
di tanto in tanto

Cristina Bove

Published in: on maggio 16, 2016 at 07:38  Comments (3)  

Voi non credete

YOU DON’T BELIEVE

You don’t believe — I won’t attempt to make ye:
You are asleep — I won’t attempt to wake ye.
Sleep on! sleep on! while in your pleasant dreams
Of Reason you may drink of Life’s clear streams.
Reason and Newton, they are quite two things;
For so the swallow and the sparrow sings.

Reason says `Miracle’: Newton says `Doubt.’
Aye! that’s the way to make all Nature out.
`Doubt, doubt, and don’t believe without experiment’:
That is the very thing that Jesus meant,
When He said `Only believe! believe and try!
Try, try, and never mind the reason why!’

§

Voi non credete – né v’indurrò a credere:
Voi siete in sonno – né tento di svegliarvi.
Dormite pure! sino a quando in gradevoli sogni
Di ragione avrete la libertà di bere ai chiari flussi della Vita.
Ragione e Newton sono esattamente due cose;
Poiché così la rondine ed il passero cantano.
Dice Ragione ‘Miracolo’: Newton dice ‘Dubbio’.
Già! per spiegare tutta la Natura quella è la via.
‘Dubbio eppoi dubbio, e non si creda senza esperimento’:
Questo Gesù veramente intese
Quando disse ‘Solo credere! credere e provare!
Provare, eppoi provare, e ai perché di ragione non si badi!’.
 .
WILLIAM BLAKE
Published in: on maggio 16, 2016 at 07:36  Comments (3)  

Litania della mamma

Mamma moderna
Sempre di fretta
Donna perfetta
Collana e rossetto
Sorriso che ammalia
E sotto il tacchetto
Regina della famiglia
Dei dintorni la più bella
Beato chi ti piglia
La frittata in padella
Pane fritto in scodella
I vestitini per i bambini
Che van fuori da principini
Sempre puliti composti e belli
Sposata il giorno di Grace Kelly
Io nata il giorno di sua figlia
Ma un po’ più di campagna
Non ti ho mai sentita far tanta lagna
Sorridente miss del dopoguerra
Che ha cantato Bennato
Chi tuo marito lo dice beato
Chi meno perché tu lo porti via
Dai confini segnati e ci porti via
La domenica fuori
E lui ti porta i fiori
Il bacino e il sorriso
Le rose di papà al tuo bel viso
Noi bimbi a farti la festa
Tu restavi sempre modesta
Da brava modista o modellista
Tagliavi e cucivi la sera
Il papà ci rimboccava con la preghiera
Poi fuori in fabbrica e i corsi
Che seguivi e tenevi alle donne
Nelle trasferte -coi rimborsi?-
E dal parrucchiere e lacca
Sempre bella e mai fiacca
Il mio viso un po’ ti somiglia
Ma come te non ci son più
Non so fare quel che facevi tu
Non son forte e decisa come sei tu
E nemmeno poi così tanto bella
Ce ne son tante adesso di bellezze
Io mi perdo in tante sciocchezze
Di te mi mancano le concretezze
Son più brava a sognare
Quello voi non lo potevate fare

azzurrabianca

Published in: on maggio 16, 2016 at 07:04  Comments (2)  

Se solo tu sapessi

quante volte, sono scappata
da me stessa, senza lasciare
alcuna traccia
ora
non conteresti
i passi del mio ritorno
con le orme dei baci
che ti lasciai sulle labbra

Anileda Xeka

Published in: on maggio 16, 2016 at 06:50  Comments (1)