Distopica

ci separò da amebe ed infusori
ci corredò d’encefalo e colonna
occhi, frattaglie, coliche, verruche
peli superflui e posizione eretta

sarebbe stato meglio farci a palla
ché rotolando avremmo scorto il cielo
di tanto in tanto

Cristina Bove

Published in: on maggio 16, 2016 at 07:38  Comments (3)  

The URI to TrackBack this entry is: https://cantierepoesia.wordpress.com/2016/05/16/distopica/trackback/

RSS feed for comments on this post.

3 commentiLascia un commento

  1. non siamo propriamente bellissimi nella tua descrizione!!… poesia amara ma sintetica ed efficace.

    • Si poesia amaramente bella
      Tinti

  2. Strano questo modo di concepirci fatti in modo anomalo…ma in effetti a pensarci bene …bellissima la chiusa che ci invita a guardare più spesso al cielo!
    Originalissima e amaramente ironica.
    Brava Cristina!
    Alberto B.


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: