Figlio

Ogni giorno basti la sua pena, dice il Saggio.

Chi è addetto però, spesso ne perde la misura.

 

“Compatisci

questo ferro che ti raschia

e non so dire:

Sentire, *

non dal sangue o dal destino,

reciso il suo respiro

donare ancora Appartenenza.”

 

Il dolore è uno per ognuno e non lo pesi

non sa spartire il suo patire e resta intero.

 

Di nuovo sono all’acqua calda ma, questa brucia.

 

Giampietro Calotti C.

*vivere giorni da padre scaduto

Published in: on maggio 19, 2016 at 07:19  Comments (4)  

The URI to TrackBack this entry is: https://cantierepoesia.wordpress.com/2016/05/19/figlio-2/trackback/

RSS feed for comments on this post.

4 commentiLascia un commento

  1. poesia che apre la porta al dolore… colma di passione, emozionante ciao Giampietro
    @.

  2. Sei sempre cosi profondo. ciao Rosy

    • Lirica trascinante e bella
      Tinti

  3. Versi bellissimi impregnati di passione e che suscitano forti emozioni.
    Piaciutissima.
    De Simone.


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: