A un comunista storico

Vecchio compagno che nella bacheca

metti la pagina dell’Unità,

cosa ti arreca questa lunghissima

faticosissima tua fedeltà?

In viale Dante il girettino,

circolo Lenin… le bocce il quartino…

e alla sezione, che confusione!

I figiciotti li trovi al Piro

dove Ferrini ti prende in giro.

Vecchio compagno che nella bacheca

metti la pagina dell’Unità,

il cineforum… la cineteca

e di Potemkin la corazzata,

una pazzesca grande boiata.

Vecchio compagno non hai mai rimpianto

questa lunghissima tua fedeltà

perché da dentro si leva un canto:

il comunismo, la libertà.

“Il comunismo!? Se fosse vivo

neppure Marx sarebbe marxista!

Che cazzo c’entra più il plusvalore?!

Oggi è ben altra la realtà!

Macché padroni macché lavoro!

La cibernetica la telematica!

Solo la rete comanderà”.

Vecchio compagno scaccia il dolore,

metti la pagina dell’Unità.

Mano che trema pianto nel cuore…

bandiera rossa non trionferà.

Ma ascolta ancora quel canto d’amore:

il comunismo è la libertà.

 

Patrizia Tomba

Published in: on maggio 21, 2016 at 06:55  Lascia un commento  

The URI to TrackBack this entry is: https://cantierepoesia.wordpress.com/2016/05/21/a-un-comunista-storico/trackback/

RSS feed for comments on this post.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: