Tendi il tuo filo e prendimi

A Lisa

Tendi il tuo filo e prendimi
prigioniero
come nella tela di rugiada perlata
attira la preda
e la ghermisce in banchetto lussurioso,
bramosamente, il ragno.
Sentirò il tuo ansimare
e il respiro fondersi col mio fiato,
a tanto carezzevole piacere abbandonato,
come in nuvola di profumo racchiuso,
dolce e asprigno.
Le morbide illusioni diverranno
concrete certezze sparse
sulla pelle, e dentro
magnificando momenti sacrificali
con me preda, e te predatrice
vicendevolmente
nel volger dell’evento
del desio e dell’incanto…
di improvvisa simbiosi…
di unicità…di gradevolissime emozioni,
e sensazioni e fantasie,
dalla marchiatura indelebile
del completo regalarsi
nell’annullamento reciproco e totale.

Armando Bettozzi

Published in: on maggio 21, 2016 at 07:06  Lascia un commento  

The URI to TrackBack this entry is: https://cantierepoesia.wordpress.com/2016/05/21/tendi-il-tuo-filo-e-prendimi/trackback/

RSS feed for comments on this post.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: