Eclissi

L’impensabile non c’è, su questa terra. Tantomeno il sacro.
E’ fine dei prodigi, da che Zeus padre di celesti
da colmo giorno formò notte, velo nero su candore
di sole acceso: tutti s’imperlarono d’angoscia.
Dopo, equivoco dovunque: ipotesi infinita è umana
realtà. Uomini: nessuno deve scorgere miracolo
in caso che delfini e selvaggina tramutino saline
in praterie, e questa senta suo riverbero d’onde, d’acque,
più intimo di terra asciutta, e quelli invece si perdano tra rocce

ARCHILOCO

Published in: on maggio 25, 2016 at 07:10  Lascia un commento  

The URI to TrackBack this entry is: https://cantierepoesia.wordpress.com/2016/05/25/eclissi-4/trackback/

RSS feed for comments on this post.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: