L’ambulatorio

Nell’ambulatorio del dottore

il solito asettico squallore.

Lo stesso quadro sempre lì da anni,

le stesse sedie rigide

lo stesso attaccapanni.

Nei freddi corridoi

camici stilizzati…

stesse battute nei secoli ibernate.

Nel portariviste

qualche decrepito Panorama.

Solo a tratti dai mucchi

buttati contro i muri,

spunta, la sola viva, la sola

sempre nuova, la sola

paradossalmente sana,

qualche sprazzo

di sofferenza umana

 

Patrizia Tomba

Published in: on maggio 30, 2016 at 07:01  Comments (2)  

The URI to TrackBack this entry is: https://cantierepoesia.wordpress.com/2016/05/30/lambulatorio/trackback/

RSS feed for comments on this post.

2 commentiLascia un commento

  1. Eh, c’hai ragione Patrizia!
    Simone

  2. sempre brava e attenta osservatrice del nostro tempo. complimenti poetessa Patrizia. Giampietro


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: