Una sera in osteria

Osteria

UNA SÎRA IN USTARÎ

 

L’é l’idéa dal Presidänt,

musicòlog sgnèr Falsetti,

ed trascòrrer na serèta

dialetèl cun carsintén,

poesî, parsótt e vén

con i amîg dl’Archiginèsi

in stasîra sagg’ ed mèrz,

un piasair par tótt i Sòzi!
 

Ai srà anc l’Odette Righi,

presidänta fundatrîz

che l’ha scrétt dimóndi lîber,

Guido Zucchi, bel dutåur,

ch’l’é un emêrit rimadåur,

pò Vanén Giorgio gran cûg

ch’al vá in zairca ed bèli rémm,

con Sarmàng ch’a srévv mé

stranpalè cme pûc ai n’é!

 
A srän zå a Villa Torchi,

on di zénter ed Bulåggna

dóvv as vîv fra la cultûra,

una ciâcra e un zûg a bóc’,

discusiån såura un trisètt,

azidént a tótti äl tâs,

e l’UeSseeLle ch’l’an vá brisa…

dantr’a un vaird ch’l’é inimitâbil!
 

I én pasè quèsi queng’ ân

e l’é vîv l’Archiginési,

qué stasîra a fän tuglièna,

un casén ch’l’andrà ala stòria!

Nó a sän qui che il sommo Dante

as ciamèva qui dal “sipa”

int l’Inféren nómmer dsdòt,

vers ssantón, tra Sèvna e Ràin.
 

Minzunèr, par mé l’é un dvair,

ed Vandelli quanti rémm

ch’al s’ha détt, sòtta un pûr zîl

ed Bulåggna, numinè

dal DAUMÉLLA capitèl

dla Cultûra in canp mundièl!
 

Dal bulgnais vîva i amîg,

séppen zûp o del braghîr,

zavatén o funtanîr,

gran sienziè o cavâl d Scâja:

qué al finéss al mî elzevîr,

longa vétta Archiginèsi!

Só livän svélt i bichîr

in s dû pî in èlt só un pà,

viva qué ed anc par d’là

ip ip ip, vgnî qué urrà!

§

È l’idea del Presidente,

musicologo signor Falsetti,

di trascorrere una serata

dialettale con crescentine,

poesie, prosciutto e vino

con gli amici dell’Archiginnasio

questa sera sedici marzo,

un piacer per tutti i soci.
 

Ci sarà l’Odette Righi,

presidente fondatrice

che ha scritto tanti libri,

Guido Zucchi, bel dottore,

ch’è un emerito rimatore,

poi Vannini Giorgio gran cuoco

che va in cerca di belle rime,

con Sermenghi che son io

strampalato come pochi!

 
Noi saremo a Villa Torchi,

uno dei Centri di Bologna

dove si vive fra cultura,

una chiacchiera e un gioco a bocce,

discussioni su un tressette,

accidenti a tutte le tasse,

e l’UeSseLle che non va bene…

dentro a un verde inimitabile!
Son passati quasi quindici anni

ed è vivo l’Archiginèsi,

qui stasera facciam baldoria,

un fracasso che andrà alla storia!

Noi siam quei che il sommo Dante

ci chiamava quelli del “sipa”

nell’Inferno numero diciotto,

verso sessantuno, tra Savena e Reno.

Menzionare, per me è un dovere,

di Vandelli quante rime

lui ci ha detto, sotto un puro cielo

di Bologna, nominata

del DUEMILA capitale

della Cultura in campo mondiale!

Viva gli amici del bolognese,

siano zoppi o delle pettegole,

ciabattini o fontanieri,

gran scienziati o eterni ammalati:

qui finisce il mio elzeviro,

lunga vita Archiginèsi!

Su leviam svelti i bicchieri

lì per lì alti su un piede,

viva qui ed anche là

ip ip ip, urrà e urrà!

 

Sandro Sermenghi

Published in: on giugno 14, 2016 at 07:45  Comments (2)  

The URI to TrackBack this entry is: https://cantierepoesia.wordpress.com/2016/06/14/una-sera-in-osteria/trackback/

RSS feed for comments on this post.

2 commentiLascia un commento

  1. E’ molto personale, eppur è un piacere leggerla ed entrare nella gioia di questa colta combricola!
    Alberto B.

  2. Davvero gradevole!
    Tinti


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: