L’orologio

Un giorno decisi
di non più invecchiare
e l’orologio
cominciai a ruotare
sempre all’indietro,
sempre più veloce.
Ero felice!
pensavo di ritornar bambino
e di trovare i molti amici
e tutti i miei parenti
che un dì m’avevano lasciato
per non più ritornare.
E mi convinsi tanto
nell’idea
che non m’accorsi
del tempo che passava
e della barba bianca
che lenta diventava.

Salvatore Armando Santoro

Published in: on giugno 22, 2016 at 07:27  Comments (2)  

The URI to TrackBack this entry is: https://cantierepoesia.wordpress.com/2016/06/22/lorologio-2/trackback/

RSS feed for comments on this post.

2 commentiLascia un commento

  1. Molto carina e originale.
    Simone

  2. Si è veramente originale ed il pensiero di ingannare il tempo ruotando le lancette è divertente ed allo stesso tempo tragico.
    Direi che con una semplicità disarmante hai scritto una ottima poesia!
    Alberto B.


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: