Ritratto di me stesso addormentato

L’impronta del seno protesa a formare colline
bruciate dal sole e dagli uomini,
l’orma morbida del corpo
attraversata da un sudore leggero
e gli occhi chiusi a celare i segreti dell’anima,
i denti stretti nella bocca chiusa
come a frenare desideri nascosti
io mi guardo dall”alto
e cerco le mani
che nel giorno hanno preso e dato
come il fiume si dà al mare
correndo felice.

Maria Attanasio

Published in: on giugno 22, 2016 at 07:24  Comments (4)  

The URI to TrackBack this entry is: https://cantierepoesia.wordpress.com/2016/06/22/ritratto-di-me-stesso-addormentato/trackback/

RSS feed for comments on this post.

4 commentiLascia un commento

  1. Un rotratto dipinto con i colori tenui della poesia..
    De Simone

    • “Scusami per il refuso di ritratto”. Il brutto vizio di scrivere in fretta e di non rileggere.
      De Simone

  2. grazie di cuore

  3. Molto bella questa esplorazione del proprio corpo e la presa di coscienza del tempo passato ma fortemente vissuto.
    Alberto B


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: