L’ultimo infermiere

Ricordo
a tratti
ciò che l’ uomo
disse,
quasi
a vantarsi:
” . . . tutto,
le mettiamo
tutto … sinanche
la biancheria
intima,
maglietta,
calze, scarpe,
mutandina
di seta. “
E’ rimasta
così come
l’ han posta…
distesa,
mutante
(tra i mutanti),
con una
gamba
lievemente
tesa
verso destra.
A distanza
di un anno
il vento.
Un vento
forte
a un tratto,
battendomi
il cappello,
caduto,
ha sibilato:
” il piede
mosso
s’ è ancora,
verso destra:
un téndine
ha ceduto.”

Paolo Santangelo

Published in: on settembre 3, 2016 at 07:20  Comments (1)  

The URI to TrackBack this entry is: https://cantierepoesia.wordpress.com/2016/09/03/lultimo-infermiere/trackback/

RSS feed for comments on this post.

One CommentLascia un commento

  1. I tuoi bei versi non hanno bisogno di commento
    Tinti


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: