La festa passata

Il capo chino

ondeggiano appassiti girasoli

nell’aria tremolante

del pomeriggio di fine estate.

Questa strada

persa nel tempo

a due passi dalla città vuota

racconta solitudine, malinconia

e questa stagione

pensata come gioiosa distrazione

dai doveri del mondo

al contrario

spesso mi ricorda

le sensazioni di bambino

che alla domenica sera

cenando davanti ad una televisione

sente il peso nel cuore

della festa ormai passata.

 

Gian Luca Sechi

Published in: on settembre 6, 2016 at 07:00  Comments (1)  

The URI to TrackBack this entry is: https://cantierepoesia.wordpress.com/2016/09/06/la-festa-passata/trackback/

RSS feed for comments on this post.

One CommentLascia un commento

  1. La sento molto come mia
    Tinti


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: