Lunga estate

Sono un po’ frastornata
Non mi riprendo
In questa lunga giornata
Ad oziare rimango
Conseguenze di una strana nottata
Non mi lamento non piango
Adesso il tempo si dilata
Tutto sembra un po’ strambo
La visione di Jagger mi ha allietata
Forse ancora stavo sognando
Davanti alla tele mi sono destata
E con gli Stones lui stava ballando e cantando
E tutta quella sua energia
Non mi andava più via
E come poi tornare a dormire?
È estate
Lunga dolce estate

azzurrabianca

Published in: on settembre 10, 2016 at 07:02  Comments (3)  

The URI to TrackBack this entry is: https://cantierepoesia.wordpress.com/2016/09/10/lunga-estate/trackback/

RSS feed for comments on this post.

3 commentiLascia un commento

  1. Dolcemente e teneramente evocativa
    Tinti

  2. Molto diversa dalle tue solite, e per questa sua stranezza l’ho apprezzata…
    L’unico verso che mi è rimasro un po’ sospeso è:
    <>
    L’avrei lasciato nel suo più scorrere normale e cioè:
    <>
    Alberto B.

  3. L’unico verso che mi è rimasto un po’ sospeso è.
    “E come poi tornare a dormire?”
    L’avrei lasciato nel suo scorrere normale e cioè:
    ” E poi come tornare a dormire? “


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: