Agosto fa sentire anche i gatti camminare

walking-cat

Nel costruire la casa dove vivo
nessuno ha fatto caso al quadrante vista cielo
al posto già assegnato alla luna;
alla mancanza
che un giorno avrei sentito allungandomi di lato
dove solitamente ti stendi per dormire
e dove con duecento e più astuzie fai capire
che meglio riempiremmo le ore in giochi braci.
Nessuno ha mai pensato che fuori, in metri d’erba
la pioggia avrebbe fatto cantare le cisterne
le foglie larghe come tamburi
e questa pena
che lenta come un cane affamato, non mi lascia
e mi ricorda prima del sonno cosa è stata
la vita da incoscienti e felici.
No, nessuno
nessuno nei cantieri le pensa queste cose
e ci si cura solo di lavar via la malta
il puzzo del sudore e la terra dentro il naso.
Per poi tornare a sera inoltrata a proprie cose
e un buon bicchiere e a fare l’amore.
Resto nudo
agosto fa sentire anche i gatti camminare
la gente ch’è rimasta ha il pudore di zittire
si lecca le ferite e poi sputa dai balconi.
Nessuno va veloce o sta litigando in strada
mi viene quasi un dire ti amo
ma son solo.

Massimo Botturi

Published in: on settembre 15, 2016 at 06:50  Lascia un commento  

The URI to TrackBack this entry is: https://cantierepoesia.wordpress.com/2016/09/15/agosto-fa-sentire-anche-i-gatti-camminare/trackback/

RSS feed for comments on this post.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: