Canzone notturna

Ti voglio sentire cantare
Dimentichiamo ciò che
ci angustia, ciò di
cui abbiamo discusso.
Le parole sono come
granelli nell’arcobaleno,

Noi abbiamo conosciuto
ore liete, dove l’anima
e il corpo hanno provato
gioie incredibili
dove ci siamo sentiti
unici nell’universo.

Vorrei, con te, affrontare
la vita, prendere la via
della foresta, seguire i corsi
dei ruscelli, bagnarci poi in
essenze ed asciugarci
in lenzuola di luce.

Riposarci sotto una vigna,
stracolma di grappoli sospesi,
incuranti di ciò che verrà.
A che vale sgomitare nella
calca della vita, nei boschi
mai si biasimano gli amanti.

Non temere, le stelle
serberanno il nostro segreto
e la sottile nebbia
della notte, velerà
il nostro abbraccio.

Marcello Plavier

Published in: on settembre 23, 2016 at 07:17  Comments (1)  

The URI to TrackBack this entry is: https://cantierepoesia.wordpress.com/2016/09/23/canzone-notturna/trackback/

RSS feed for comments on this post.

One CommentLascia un commento

  1. Incipit che apre allla vita tipico di Marcello
    Tinti


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: