La Giorgina

Ce l’ho stampata dentro

come fotografia, la prima casa

e non so definire il sentimento

che mi tinge il ricordo:

 

settantadue gradini

per quell’ultimo piano di due vani

già dignitoso per quei tempi grami,

e i vicini, cordiali

 

unico punto nero, e non da poco

la Giorgina del piano di sotto

zitella senza pace

dava di matto se cadeva un cucchiaio

figurarsi lo schiamazzo di un gioco!

 

Era il terrore di tutti i ragazzini

anch’io col batticuore

a due a due divoravo i gradini

davanti alla sua porta.

 

Ora a pensarci, provo quasi pena

e un po’ vergogna per quell’infelice

quel deriderla, metterla alla gogna

quando per vanto in cortile ci leggeva

le lettere d’amore

di un fidanzato cui era promessa

immaginario, spedite da lei stessa;

 

ma in quei momenti anche lei ci credeva!

 

Viviana Santandrea

Published in: on settembre 25, 2016 at 07:28  Comments (4)  

The URI to TrackBack this entry is: https://cantierepoesia.wordpress.com/2016/09/25/la-giorgina/trackback/

RSS feed for comments on this post.

4 commentiLascia un commento

  1. Deliziosa
    Tinti

  2. molto commovente la Giorgina…
    @.

  3. Carina! Rosy

  4. Grazie care!
    Viviana


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: