A Paul Gauguin

gauguin20arearea20201892

Posso bussare?

Posso entrare?

Incorniciare i dettagli tropicali

affidarmi ai fuochi

posso  fondermi

ancora una volta nel tessuto?

Nel tuo eden perduto?

Un passaggio sull’oceano

per varcare la soglia dell’onda

fuoriuscita dall’ispirazione

Eccoti, creatura animale

– eccoti artista

miele d’asfodelo

 che credi in te

come io credo

e scopro

quanto siano belle

le forme alate del tuo segno

eco primordiale del disegno

musica potente, sovrastante

Oli e venature di Tahiti

le tue lune notturne distese sui seni

profumano di corpi ambrati.

 

Aurelia Tieghi

Published in: on settembre 28, 2016 at 06:50  Comments (5)  

The URI to TrackBack this entry is: https://cantierepoesia.wordpress.com/2016/09/28/a-paul-gauguin/trackback/

RSS feed for comments on this post.

5 commentiLascia un commento

  1. Grazie cara; sei unica!
    Tinti

  2. Gauguin in poesia e poesia con i colori della tavolozza di Gauguin. Un bellissimo connubio.
    De Simone

  3. Grazie, vi auguro buona poesia, ciao
    @.

  4. Mi piace molto questa Tua Bella
    con originalità e forma crei un bel dipinto,evidenziando punti salienti di un grande Pittore.nella sua Arte.
    Complimenti molto Brava

    Un caro saluto
    Il Passero

    • Giancarlo, ti ringrazio tanto per il commento così approfondito… buona poesia,ciao
      @.


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: