Errabondo

Entrai di corsa
e tutti risero.
Tranne le sedie. il tavolo,
le tende, i gatti, il tappeto,
le pareti, il camino.
Allora uscii,
lentamente
raccolsi il mio cuore
e mi allontanai

Marcello Plavier

Published in: on ottobre 4, 2016 at 07:44  Comments (1)  

The URI to TrackBack this entry is: https://cantierepoesia.wordpress.com/2016/10/04/errabondo/trackback/

RSS feed for comments on this post.

One CommentLascia un commento

  1. Pensiero poetico espresso in questa poesia breve, che stigmatizza la sensazione di estraneità che spesso ci colpisce improvvisa nei posti più impensati, a volte anche nella nostra casa.
    Forse perchè a volte siamo estranei anche a noi stessi.
    Bella!
    Alberto B.


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: