Siamo stati qui

Non chiede sforzi la poesia dell’amarti.
E del lasciarti
quando la smorfia è spina di alloro
ortica e sterpo.
Non chiede sforzi usare il tuo nome
dirti bella, nella tua verità più rabbiosa
e il disincanto
che viene quando muore di sera la ragazza
e nasce un dio notturno spiumato.
Nulla chiede
dell’eleganza fine ai poeti, non il vanto
la rima o la preghiera dei monaci.
Ma il pianto
l’essenza di quel mare d’averti avuta accanto
il privilegio e il gusto di darti queste mani
e lingua come unguento ai tuoi giorni.
Nulla chiede
di certe seduzioni passate, acrobazie
o genitali in cerca d’amore.
Solo il fiato, per far le scale a poca insalata
del buon vino; che più ci faccia ridere
di quello che ora siamo
di quanto abbiamo fatto di buono, oppure meno.

Qualcuno giurerà fosse un’ombra
un uccellaccio
qualcosa ch’era un attimo fa
volato via.

Massimo Botturi

Published in: on ottobre 5, 2016 at 07:30  Comments (1)  

The URI to TrackBack this entry is: https://cantierepoesia.wordpress.com/2016/10/05/siamo-stati-qui/trackback/

RSS feed for comments on this post.

One CommentLascia un commento

  1. Per come la vedo io, è una bella storia di vita a due, il respiro corto sarebbe arrivato comunque e non sarebbe stato simpatico guardare in
    dietro e non avere nulla per cui sorridere. Piaciuta!!


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: