Insonnia

Son le cinque e tre quarti del mattino

non so come mai

sono già sveglia come un canarino.

E’ l’ora in cui l‘umano si arrovella

cercando tra le pieghe del cuscino

ancora un po’ di sonno;

ora allungo le gambe, poi le stiro

un po’ come fa il gatto

e mi rigiro,

le palpebre ben strette,

decisa come mai

a tirare le sette.

Cerco l’aiuto di rosei pensieri

ma la moviola proietta solo guai;

arrese, ormai, le rètine

si accendono a bucare il buio intorno

attratte da un alterno sfarfallio

che sia un raggio del giorno?

E’ strano che si annunci con questa intermittenza!

Acceso-spento-acceso-spento-acceso-spento;

e se nella mia stanza

‘na serotina lucciola s’è voluta annidare?

D’ ottobre? Credo a stento.

Era un messaggio sul mio cellulare!

 

Viviana Santandrea

Published in: on ottobre 19, 2016 at 06:55  Comments (3)  

The URI to TrackBack this entry is: https://cantierepoesia.wordpress.com/2016/10/19/insonnia-7/trackback/

RSS feed for comments on this post.

3 commentiLascia un commento

  1. Deliziosa!

    Graziella

  2. Quanto è godibile!
    Tinti

  3. Proprio carina
    ma non hai preso la pillolina?
    Ciao cara
    Il Passero


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: