IL FAGIANO

Oggi, mentre rientravo dal lavoro, un fagiano si è alzato in volo dal bordo della strada. Era dall’altro lato della carreggiata e speravo non lo facesse. Invece l’ha fatto, sollevandosi da terra ha attraversato la strada, ma non abbastanza alto…. Non potevo frenare, avevo auto dietro attaccate. E poi mi ha presa di sorpresa, era lì fermo e d’improvviso ha iniziato a muovere le ali…L’unica cosa che, d’istinto, ho fatto è stato abbassare la testa. Un gesto assolutamente inutile e ridicolo, dentro l’abitacolo della macchina. Non ho potuto evitarlo, poverino… ha sbattuto sul tettuccio. È stato traumatizzante. È come investire qualcuno, circa, forse, è un essere vivente che arriva addosso alla tua auto. E ti senti in colpa. Anche se non sei stato tu ad investire lui, ma è stato lui ad investire te. Ti senti in colpa come essere umano. Ti senti in colpa per questa civiltà che sovrasta e umilia la natura. Perché non ci sta, non ci sta nel dna del fagiano che arrivi questo grosso coso ferroso a questa velocità.

Alessandra Generali

Published in: on ottobre 20, 2016 at 06:54  Comments (1)  

The URI to TrackBack this entry is: https://cantierepoesia.wordpress.com/2016/10/20/il-fagiano/trackback/

RSS feed for comments on this post.

One CommentLascia un commento

  1. Il tuo senso di colpa denota umanità, un squisitezza d’animo e profondo amore per gli animali. Unico rammarico è che non possiamo fermare il progresso.
    De Simone


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: