The Future

the-future
.
Give me back my broken night
my mirrored room, my secret life
it’s lonely here,
there’s no one left to torture
Give me absolute control
over every living soul
And lie beside me, baby,
that’s an order!
Give me crack and anal sex
Take the only tree that’s left
and stuff it up the hole
in your culture
Give me back the Berlin wall
give me Stalin and St Paul
I’ve seen the future, brother:
it is murder.Things are going to slide, slide in all directions
Won’t be nothing
Nothing you can measure anymore
The blizzard, the blizzard of the world
has crossed the threshold
and it has overturned
the order of the soul
When they said REPENT REPENT
I wonder what they meant
When they said REPENT REPENT
I wonder what they meant
When they said REPENT REPENT
I wonder what they meant

You don’t know me from the wind
you never will, you never did
I’m the little jew
who wrote the Bible
I’ve seen the nations rise and fall
I’ve heard their stories, heard them all
but love’s the only engine of survival
Your servant here, he has been told
to say it clear, to say it cold:
It’s over, it ain’t going
any further
And now the wheels of heaven stop
you feel the devil’s riding crop
Get ready for the future:
it is murder

Things are going to slide …

There’ll be the breaking of the ancient
western code
Your private life will suddenly explode
There’ll be phantoms
There’ll be fires on the road
and the white man dancing
You’ll see a woman
hanging upside down
her features covered by her fallen gown
and all the lousy little poets
coming round
tryin’ to sound like Charlie Manson
and the white man dancin’

Give me back the Berlin wall
Give me Stalin and St Paul
Give me Christ
or give me Hiroshima
Destroy another fetus now
We don’t like children anyhow
I’ve seen the future, baby:
it is murder

Things are going to slide …

When they said REPENT REPENT …

§

Restituiscimi le mie notti accidentate
La mia stanza riflessa, la mia vita segreta
E’ malinconico qui,
Non è rimasto nessuno da torturare
Dammi un controllo assoluto
Su ogni anima vivente
E sta dietro di me, ragazza,
Questo è un ordine!

Dammi crack e sesso anale
Accetta l’unico albero che è rimasto
E riempi con esso il vuoto
Nella tua cultura
Ridammi indietro il muro di Berlino
Dammi Stalin e san Paolo
Ho visto il futuro, fratello:
E’ omicidio.

Le cose stanno scivolando, scivolando in tutte le direzioni
Non sarà nulla
Niente che tu possa comunque valutare
La tempesta, la tempesta del mondo
Ha oltrepassato il limite
Ed ha capovolto
L’ordine dell’anima
Quando essi dissero PENTITI PENTITI
Mi chiedo cosa intendessero
Quando dicevano PENTITI PENTITI
Mi chiedo cosa intendessero
Quando dicevano PENTITI PENTITI
Mi chiedo cosa intendessero

Tu non mi conosci dall’odore
Mai lo farai, mai lo hai fatto
Io sono il piccolo ebreo
Che scrisse la Bibbia
Ho visto le nazioni crescere e cadere
Ho sentito le loro storie, sentite tutte
Ma l’amore è l’unico motore della sopravvivenza
Al tuo servitore qui, gli è stato detto
Di dirlo con freddezza,
di dirlo in maniera indifferente:
Non durerà ancora, non proseguirà oltre
Ed ora le ruote del paradiso smettono di girare
Tu senti il frustino del diavolo
Preparati per il futuro:
E’ una tortura

Le cose stanno scivolando, scivolando in tutte le direzioni
Non sarà nulla
Niente che tu possa misurare ulteriormente
La tormenta, la tormenta del mondo
Ha attraversato la soglia
Ed ha capovolto
L’ordine dell’anima
Quando essi dissero PENTITI PENTITI
Mi chiedo cosa intendessero
Quando dicevano PENTITI PENTITI
Mi chiedo cosa intendessero
Quando dicevano PENTITI PENTITI
Mi chiedo cosa intendessero

Ci sarà la dissoluzione del vecchio
Codice occidentale
La tua vita privata di colpo esploderà
Ci saranno fantasmi
Ci saranno incendi nelle strade
E l’uomo bianco danzante
Tu vedrai una donna
Appesa a testa in giù
Le sue fattezze coperte dalla sua gonna caduta
E tutti i disgustosi inetti poeti
Verranno intorno
Cercando di suonare come Charlie Manson
E l’uomo bianco danzante

Dammi indietro il muro di Berlino
Dammi Stalin e san Paolo
Dammi Cristo
O dammi Hiroshima
Distruggi un altro feto ora
Non ci piacciono i bambini ad ogni modo
Ho visto il futuro, ragazza:
Esso è una tortura

Le cose stanno scivolando, scivolando in tutte le direzioni
Non sarà nulla
Niente che tu possa misurare ulteriormente
La tormenta, la tormenta del mondo
Ha attraversato la soglia
Ed ha capovolto
L’ordine dell’anima
Quando essi dissero PENTITI PENTITI
Mi chiedo cosa intendessero
Quando dicevano PENTITI PENTITI
Mi chiedo cosa intendessero
Quando dicevano PENTITI PENTITI
Mi chiedo cosa intendessero

 .
LEONARD COHEN
 .
Published in: on ottobre 26, 2016 at 07:00  Lascia un commento  

The URI to TrackBack this entry is: https://cantierepoesia.wordpress.com/2016/10/26/the-future/trackback/

RSS feed for comments on this post.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: