Proiezioni e riflessi

L’acqua scorre…e quel tuo rovescio lascia
fisso ancorato dove sistemato
l’hai pe’ un attimo, o a lungo, o anche per sempre
a rispecchiarsi, appena un po’ sfibrato
di giorno, al sole, e ai luccichii, di notte.

Nemmeno un gorgoglio nel trattenerti…
Lo sanno l’ acque chete mentre vanno,
che tu resisti al loro trascinare…
Tu resti…come immagine ancorata,
coi piedi al bordo e con la testa in giù….

Non come l’ombra che s’attacca ai muri
e dritta resta, al modo tuo di stare.
Scomposto, là galleggi…non affondi:
pari ‘l tuo spirito che vien protetto.
E più è chiara l’acqua e più è quasi specchio.
E addosso al muro, invece sei scoperto,
e al mutar di luce sempre ti muti,
deforme appari, e senza mai colori.

Armando Bettozzi

Published in: on novembre 5, 2016 at 06:57  Lascia un commento  

The URI to TrackBack this entry is: https://cantierepoesia.wordpress.com/2016/11/05/proiezioni-e-fiflessi/trackback/

RSS feed for comments on this post.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: