‘Na vòrta, er magna-magna…

gallo

‘Na vòrta er magna-magna aggià ce stava.
Perché…nun ce sta un cavolo da fà:
ce nasce…e certo…l’òmo ce provava…
Però…ce sta un però, perché se sa

che allora più che artro s’ arubbàva
pe ffà godé er partito…! E è questo qua –
che t’aricconta chiunque governava…
Pe cui – è vero! …’n se pò ddì: “rubbà”. (!?!)

E poi nun s’arubbava accosì tanto!
Presempio…anche mi madre, quarche vòrta,
pìàva da la spesa…D’artro canto

in che artro modo lo poteva fàllo
‘no sparambio? La “cresta”!…Pe la scorta!
Ma adesso pìeno sempre tutt’er gallo…!…

Armando Bettozzi

Published in: on novembre 16, 2016 at 06:57  Comments (1)  

The URI to TrackBack this entry is: https://cantierepoesia.wordpress.com/2016/11/16/na-vorta-er-magna-magna/trackback/

RSS feed for comments on this post.

One CommentLascia un commento

  1. Molto bella e vera questa tua poesia in vernacolo! Come sono cambiati i tempi caro Armando; allora non dioco che tutti fossero onesti e i ladri non ci fossero, ma oggi rubare e truffare il prossimo è diventato un costume!
    Non c’è più dignità!
    Alberto B.


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: