Mar Morto: quei sorrisi

Sponda giordana del Mar Morto
lì seduto in riposante sosta che
faticoso il risalir fu dopo quel
galleggiar leggero dalle nere
forti saline acque un incontro
questo di teneri fanciulli un
gruppo e con le maestre sue
son poveri orfani iracheni fu
quel presentarsi offesi non
nelle membra solo ma nella
mente pure lesta un mano
non so perché nel fermar
quel tentativo di carezza
mio gesto che ben inteso
inver fu da quelle creature
che da quei lor smunti visi
sbocciò un largo a me sorriso
ben serrato forte oggi nello
scrigno segreto mio e quello
dei miei sì miei più bei ricordi

Giuseppe Gianpaolo Casarini

Published in: on novembre 19, 2016 at 06:58  Comments (4)  

The URI to TrackBack this entry is: https://cantierepoesia.wordpress.com/2016/11/19/mar-morto-quei-sorrisi/trackback/

RSS feed for comments on this post.

4 commentiLascia un commento

  1. è quel sorriso di volti smunti che fa grande la vita!ciao
    Tinti

    • Gentil Poetessa Tinti,

      grazie, buon fine settimana e cordiali saluti.

      ggc

  2. C’è la vita che trionfa in quel sorriso. E’ come dire con Neruda “potranno tagliare tutti i fiori ma non fermeranno mai la primavera”.
    Stupenda e coraggiosa poesia.
    Sandra

    • Grazie di cuore Poetessa Sandra.

      Buona serata e cordiali saluti.

      ggc


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: