A mio padre

uliveto

Ti trovo all’ingresso sempre

desto al lavoro

tra il solco pronto da riempire

di giovane piante.

Nel tuo orto tappeto

Passionevolmente curato,

tra penzolanti ruggini melagrani

cachi al color di tramonti

ulivi incolonnati che si uniscono a portici

e tu li percorri giornalmente,

fra di loro ti senti in compagnia

come fossero fratelli carnali.

tutto sotto il tuo infinito cielo

tetto camaleonte come le stagione.

Tasto la tua gioia di vedermi

tra i tuoi occhi che ti brillano

E il tuo respiro ansante,

io felice di trovarti.

Nelle tue movenze percepisco

il forte legame che ci unisce

come per te questa terra.

La tua gioia si unisce alla mia

in mezzo a questa natura

Che tu così grande ami.

 

Rosy Giglio

Annunci
Published in: on dicembre 3, 2016 at 07:25  Comments (2)  

The URI to TrackBack this entry is: https://cantierepoesia.wordpress.com/2016/12/03/a-mio-padre-6/trackback/

RSS feed for comments on this post.

2 commentiLascia un commento

  1. Che meraviglia!!!!
    Sandro

  2. Nei versi é espresso tutto il legama affettivo nei confronti del padre. I sentimenti sono palpabili.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: