Da piccoli

Quand’eri piccola e pur’io lo ero
e smog e stress non assorbiva ancora
la nostra pelle tesa e levigata
e ogn’idea non era sì inquinata
ed ogni ora ancor durava un’ora,
ed era tutto – almeno un po’ – più vero,

ci crescevano giorni oramai rari –
che si empivano d’api e di farfalle,
e il pettinino, portavamo in tasca…
E in giro sapevamo d’ogni frasca
pel giorno e per la sera, e giacca o scialle
dall’umido del prato eran ripari.

Ricco d’amor, seppur per altro avaro
era a quel tempo il viver quotidiano,
ma nel suo dar di meno di più dava…
E prender due piccioni co’ una fava
significava allor darci una mano
tra noi e ognuno che avevamo caro.

Intorno a noi sbocciavan come fiori,
le ore…i giorni…gli anni…sempre freschi…
e la fortuna era stare insieme,
sentir che l’un per l’altro è lì che freme…
dividerci tutto…Vividi affreschi,
or più preziosi…qual rari decori.

Armando Bettozzi

Annunci
Published in: on dicembre 3, 2016 at 07:08  Comments (1)  

The URI to TrackBack this entry is: https://cantierepoesia.wordpress.com/2016/12/03/da-piccoli/trackback/

RSS feed for comments on this post.

One CommentLascia un commento

  1. Mirabile esempio nel ricordo
    Simone


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: