La camera

Oltre l’ingresso notte ecco il rifugio

lo scrigno che racchiude

tutto l’arcobaleno della vita

dalle tinte più accese

a orizzonti che annegano nel grigio;

 

qui nonostante gli anni

coltivo il seme della vanità

nella scelta tra abiti e bijou

mentre chiedo allo specchio

qualche indulgenza e complicità.

 

Nel letto poi, fido testimone,

non mi ci adagio, ma

si può dire che “lo indosso”

soprattutto d’inverno la mattina

quando il letargo m’inchioda a quel tepore

un sogno dopo l’altro

e la coscienza debolmente sobbalza

in cerca del risveglio

nel definire i contorni della stanza.

 

Viviana Santandrea

Annunci
Published in: on febbraio 17, 2017 at 06:57  Comments (1)  

The URI to TrackBack this entry is: https://cantierepoesia.wordpress.com/2017/02/17/la-camera/trackback/

RSS feed for comments on this post.

One CommentLascia un commento

  1. Quell’indossarele coltri mi appartiene viviana
    Grazie:-)
    Tinti


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: