Il ripostiglio

AL ṠGUNBRÉN

Cla pórta là in casån

l è un sicûr arciâm

pr’al mî gât

che quât quât

al va in perlustraziån

con fèr indiferänt;

al cuntrôla zà ed là

cardànd d an èser vésst

come se gnìnta fóss

stmänter un mèż mêter ed cô

l è anc fôra da l óss.

 

Ai n è di quî da vadder

in ste métar quadrè!

Côsa ai srà in cal butélli?

E pó tótti cal scâtel

da l’ udursén suspèt

ch’al sént quand al s’acuàcia

ataiṡ ai pî dal lèt?

 

L è tôtt un månd da dscrûver:

dal pianèl con al fèr

par stirèr la bughè

con in vatta la roba

tótta bèle pighè

-che bèla gabanèla

lé, se ai pséss arivèr!-

 

Pó la granè, al spazòn

e tótt i vèri arnîs

ch’i sérvan a l arzdåura;

mo al vadd, a l inpruvîṡ

såtta un tûb arvuiè

al måsster gataròn…

e ló ed cal magnapållver

l à sintó dîr un fât:

che insàmm a la pållver

al tira só anc i gât!

 

Al scàpa vî inspuré!

 

Ciapè l óss al fà fénta

d èsar gnó lé par chès

e con flèma elegànta

arudlinè int ‘na scrâna

l arpiàta ûc e nès,

mo da cómm al ṡbadâcia

as capéss ch’l è cuntänt dal sô girtén

int al ṡgunbrén.

§

Quella porta socchiusa

è un sicuro richiamo

per il mio gatto

che quatto, quatto

si aggira per l’ambiente

con fare indifferente;

controlla qua e là

credendosi invisibile

che nessuno lo bada

mentre fuor dalla porta

resta un pezzo di coda.

 

Quante cose si scoprono

In quel metro quadrato!

Tutte quelle bottiglie?

Inoltre quelle scatole

dall’odore sospetto

che sente anche acquattato

presso i piedi del letto?

 

E’ un mondo da scoprire:

lo scaffale col ferro

per stirare il bucato

con sopra già la roba

tutta ben ripiegata

-lì poterci arrivare,

sai che bella dormita?-

 

Poi lo spazzone,

scope e arnesi vari

che alla massaia sono necessari;

e d’improvviso tra un tubo aggrovigliato

la sagoma del mostro rumoroso…

lui di quel mangiapolvere

ha sentito dei fatti:

dicon che con la polvere

lui tiri su anche i gatti.

 

Scappa via spaventato!

 

Fuori, si aggira con grazia felina

quasi fingendo d’esser lì per caso

sceglie una sedia ove si acciambella

scompaion occhi e naso,

ma dalle orecchie e da uno sbadiglio

io capisco che alfine è soddisfatto

del suo giretto nel mio ripostiglio.

 

Viviana Santandrea

Annunci
Published in: on febbraio 26, 2017 at 06:59  Comments (1)  

The URI to TrackBack this entry is: https://cantierepoesia.wordpress.com/2017/02/26/il-ripostiglio/trackback/

RSS feed for comments on this post.

One CommentLascia un commento

  1. un racconto in versi di enorme vivacità e piacevolezza. Grazie Viviana
    tinti


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: