2017

Quest’è il mio anno fortunato.
L’hanno previsto Branko e Paolo Fox,
Luis Velasco e il mago Egitto.
Con quei quattro soldi
che mi son rimasti
giocherò al Lotto e all’Enalotto;
alle Lotterie Italia,
ma guarda che sfortuna,
finora è andata male,
al Gratta e Vinci peggio che peggio.

E di che vivrò? Non lo so.
Ho moglie e figli
e son disoccupato.
L’unica speranza è il gioco.
E lo Stato che fa?
Questo Stato biscazziere accetta
che le fabbriche siano spostate
chi sa dove…
E noi rimaniamo poveracci
in un mondo di nastrini e telefonini.
I miei figli hanno fame
non solo di cibo…
La crisi finanziaria…
Ma quando i Governi del mondo ricco
la smetteranno di farci imbrogliare?
Viviamo di sogni che sfumano,
di illusioni che sprizzano via
come bollicine di spumante.

Ho pregato Sant’Antonio,
la Madonna e Gesù Cristo,
ma il lavoro non s’è visto.
Ridatemi il lavoro
che m’è stato tolto
ingiustamente!
Sennò che faccio…
Un furto? Una rapina?
Mi ammazzo? Vi ammazzo?
Quest’è il mio anno fortunato!

Nino Silenzi

Annunci
Published in: on marzo 15, 2017 at 07:07  Comments (2)  

The URI to TrackBack this entry is: https://cantierepoesia.wordpress.com/2017/03/15/2017/trackback/

RSS feed for comments on this post.

2 commentiLascia un commento

  1. Come raccontare meglio la tragedia di tanti
    Bravo Nino
    Tinti

  2. Sposo il commento di Tinti. Carlo


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: