Umanità infranta

Sputa corpi esangui

rabbioso il mare

su spiagge corrose di livore

catacombe di sogni

schiaffi di morte all’umanità

defraudata di ogni bene e diritto

cala un silenzio cupo, assordante

volano via gabbiani spauriti

in urla di dolore,

oltre l’orizzonte immobile,

continua solitaria la vita

smarrita, confinata, aggrappata

ad un filo spinato

bagnato di speranza.

 

Roberta Bagnoli

Annunci
Published in: on maggio 13, 2017 at 06:57  Comments (18)  

The URI to TrackBack this entry is: https://cantierepoesia.wordpress.com/2017/05/13/umanita-infranta/trackback/

RSS feed for comments on this post.

18 commentiLascia un commento

  1. Le nostre coscienze/ giunchi al vento/ e le altre?!
    Roberta i tuoi belissimi versi si fanno sentire.
    Giovanni

    • Grazie carissimo Giovanni, un abbraccio sempre azzurro. Roberta

  2. Brava Roberta. Veramente forte: “aggrappata/ad un filo spinato/bagnato di speranza.”
    La mia prossima sarà sullo stesso argomento. Ma pareggiare la tua chiusa sarà difficile!

    • Carissimo Lorenzo le tue parole mi rendono felice, grazie di cuore, un saluto affettuoso. Roberta

    • Grande Roberta come raccontare meglio un argomento così doloroso?grazie cara
      Tinti

      • Grazie Tinti cara delle tue belle parole, un abbraccio affettuoso. Roberta

  3. Il mare, poveretto, non è mai rabbioso, tutt’al più agitato, e sicuramente non ha colpa alcuna. L’essere umano invece sì, E’ l’animale” più cattivo e ingiusto che esista e il più pericoloso, perfino con se stesso. E c’è poco da fare: così è sempre stato e sempre sarà, in barba a qualcunque religione, concetto etico, politico, morale o di pace, i poveracci soccombono a frotte e i violenti vincono. Salvo poi che anche il loro destino è segnato. E’ difficilissimo assistere a tutto questo senza voltarsi per non guardare o far finta che vada tutto bene…
    Ma la tua chiusa è davvero bella!
    Sandro

    • Hai pienamente ragione caro Sandro, l’uomo è la bestia pensante e non c’è limite alla sua cattiveria, grazie per la condivisione, un abbraccio. Roberta

  4. Comunica una triste verità con forza e delicatezza Piera

    • Grazie di cuore Piera, un caro saluto. Roberta

  5. Dalla scelta di vocaboli si percepisce subito con quanta veemenza ti scagli contro la realtà di questi tempi. L’indignazione é coinvolgente immedesimandosi un attimo nella sorte di chi sta lottando per la vita
    in mezzo al mare tempestoso. Bella la chiusa.
    Ciao Roberta, un bel fine settimana.

    Giuseppe

    • Grazie infinite carissimo Giuseppe, sono contenta che tu abbia sentito la mia rabbia, un caro abbraccio e buon fine settimana anche a te. Roberta

  6. Notevole questa Tua Bella
    La forza dei tuoi versi comunicano la tua.. Rabbia che accomuna.
    Complimenti la qualità è sempre molto alta e mi piace… Assai.
    Ciao Cara Roberta
    Passero

    • Caro Passero sono felicissima delle tue parole e della tua considerazione, grazie di cuore. Un caro saluto. Roberta

  7. Concordo anche io con molti dei commenti che mi hanno preceduto, in particolare con quello di Sandro.
    L’attualità del tema, la tragica realtà descritta, la bella forma di cui è pregna questa tua poesia, la rendono pregevole!
    Eccellente Roberta!
    Alberto B.

    • Grazie caro Alberto, le tue parole mi rendono felice, un saluto affettuoso e buona domenica. Roberta

  8. Molto toccante!
    Bravissima Roberta, come sempre.
    Un abbraccio

    Maristella

    • Grazie di cuore carissima Maristella, un forte abbraccio. Roberta


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: