Inequivocabilità

Quando
ogni giorno passa
e non ti capisce
il prossimo:
rivolto è tutto,
verso
il nulla.

Quando,
a ogni ora che passa,
più non comprende
il vicino:
tutto è distrutto,
e … la natura,
canta
per suo conto.

Quando
gli affetti
familiari,
defilati
in amori propri,
a ghetti,
sono
circoscritti
in famiglie
diverse,
l’ egoismo
uccide,
ciò che è umano!

Allora fine
è tutto,
causato da egoismo
ed ignoranza;
da innocenza e vergogna,
poi chi capisce
dà il suo sfogo
al pianto.

Altrui
capire e non capire
anime umane.
Chiuse come voi
stesse, con voi.

Lucide
egoiste,
siete perfette,
anime di chiesa,
e la coscienza vostra,
nello scopo
vi approva.

Anime mie, sorelle
solinghe
se imago de la Morte
incombe
su noi tutti:
non abbiate paura
siate tranquille,
ciò che desta
s’affaccia, manifesta
si evidenzia
e appare;
siate resolute:
ché insicuro
è il domani.

La morte?!
Non fisiologica,
ma eterna
se non c’è Dio.

Misericordia
umana non esiste
perchè fatta da noi
mondo mortale.

Quella di Dio
è perfetta!

La vendetta (e l’accidia)
fine a se stessa,
è nostra:
l’ inequivocabilità
del Male.

Paolo Santangelo

Annunci
Published in: on maggio 16, 2017 at 06:51  Comments (3)  

The URI to TrackBack this entry is: https://cantierepoesia.wordpress.com/2017/05/16/inequivocabilita/trackback/

RSS feed for comments on this post.

3 commentiLascia un commento

  1. Decisamente piena di un profondo sentire e bella nell’uso attento delle parole, ma…
    La morte?
    Non fisiologica,
    ma eterna
    se non c’è Dio.
    …non condivisibile per chi come me è un incallito agnostico!
    Poi, e non se ne abbia Paolo, mi sconvolge l’uso costante dell’enjambement che spezza spesso, troppo spesso, il verso e mi costringe nel leggerla, ma parlo sempre e solo da un mio punto di vista, molto più metricista, a fare via via un opera di ricostruzione logica:

    Quando ogni giorno passa
    e non ti capisce il prossimo:
    rivolto è tutto, verso il nulla.

    Quando a ogni ora che passa,
    più non comprende il vicino:
    tutto è distrutto, e …
    la natura canta per suo conto.

    …e così via!
    Non mi spiego il perchè, ma rispetto le scelte del poeta!
    Ribadisco comunque la bellezza in assoluto del pensiero e una volta ricomposta l’alta maestrias espressiva del poeta.
    Alberto B.

  2. Poesia molto complessa che verte su temi profondi ed esistenziali, scritta con uno stile particolare che si sottrae volutamente a criteri metrici, il messaggio personale dell’autore verte sull’imperfezione dell’uomo, la visione è totalmente cristiana, lo testimoniano i versi relativi alla morte e alla misericordia. A prescindere da un discorso di fede o di agnosticismo, resta un pensiero profondo, bello e di alto spessore. Grazie Paolo per la riflessione, un caro saluto. Roberta

  3. Molto coinvolgente… Piera


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: