Noia

Il replicare stanco degli eventi
cadenza la discesa della vita
come un’anafora abusata e frusta
che fa mediocre il verso a una poesia

Io vorrei che mi restassi accanto
dolce ricordo dal sapor del miele
come quell’orso mio di pezza bianco
che fu dei giochi antichi un buon compagno

Consolazione mia sarebbe allora
poterti accarezzare nella notte
quando là fuori infuria la tempesta
e un’altra dentro s’agita più forte

Perché non c’è migliore amica al mondo
della memoria di un felice istante
che vicino l’amor ti fa sembrare
e la noia e la morte più lontane

Fabio Sangiorgio

Annunci
Published in: on giugno 8, 2017 at 07:08  Comments (5)  

The URI to TrackBack this entry is: https://cantierepoesia.wordpress.com/2017/06/08/noia-3/trackback/

RSS feed for comments on this post.

5 commentiLascia un commento

  1. Strano connubio tra noia e morte. Bella!
    Sandro

  2. Concordo con Sandro, lirica intensa e densa di nostalgia d’amore. Bravo Fabio. Roberta

  3. Caro Fabio, supenda! Grande tenerezza quell’orso.
    Cari saluti

    Graziella

  4. Stupenda! Piera

    • Tenera e piena di nostalgica melanconia
      Tinti


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: