Nuova messe di premi

E’ tempo di raccolto, e il Cantiere ci offre una nuova messe di premi! Ho il piacere di comunicarvi che ieri sera 10/6/17 ad Abano Terme (PD) si è svolta la cerimonia di premiazione del XII Premio Letterario Nazionale “Voci Città di Abano Terme” nell’ambito del quale tre nostri amici poeti hanno conseguito prestigiosi riconoscimenti: a Santi Cardella sono state assegnate la Menzione d’onore per la poesia in dialetto “U gira soli”  ed il premio speciale della giuria per la poesia in metrica “Rinuncia a evadere”, mentre ad Armando Bettozzi è andata la Menzione di merito per il brano “La befana de oggigiorno” per la poesia dialettale e a Piero Colonna Romano la Menzione di merito per la poesia in metrica “Punta Buonfiglio a Manarola”. Nel proporvi qui di seguito i brani vittoriosi vi invito ad un applauso per i nostri valenti amici con l’augurio di proseguire brillantemente nella loro carriera poetica!

§

U gira soli

Sicilia, ’nta ’n’aricchia t’aiu a parrari

d’un misteriu ca tegnu dinta o cori

fattu ca nun mi fa cchiù arragiunari:

dunni va ’u suli quannu scinni e mori?            

S’ammuccia nicu nicu ’nta li grutti

di li vulcani sparsi sutta ’u mari,

astuta a luci e nni fa fissa a tutti

ca arristamu alluccuti a talïari?

Ma doppu comu fa ’stu schifïusu

a spuntari ’nto cielu sbarigghiannu

supra i pissiani dunni sta Maria?

e dda mi lassa stupitu e cunfusu

quannu s’affaccia tenniru e cantannu

sutta a li cigghia di la bedda mia!

Santi Cardella

§

 

Rinuncia a evadere

In tutto il mondo non esiste un fiore

cui la bellezza fugga dallo stelo,

ma il tuo sorriso provoca un languore

che nasce in terra e va a fiorire in cielo.

Come brezza che spira sulla pelle,

tu accendi il fuoco e fai sognar le stelle.

Fior del passato e fiore di stagione,

colore del mio astro preferito,

i tuoi begli occhi sono una prigione

in cui la detenzione è il premio ambito.

Hai il fascino d’un bosco sempre verde

nei cui sentieri l’anima… si perde.

Santi Cardella

§

La befana de oggigiorno

Puro oggi, la Befana è pe la cappa
che porta a pupi e fanelletti bbòni
li regaletti, e subbito, poi, scappa
delusa ner vedé tante quistioni

che proprio nun s’appiàneno pe gnènte,
e che la peggio è che oggiggiorno, ormai,
de lei se sta a scordàsse, tanta ggènte…
che prima, si ‘n vieniva…mmmh! ‘n sia mai!

E mmo’, pe tutt’er bene che cià ffàtto
(che a tutti cià voluto e ce vò! bbène)
èccoje er grazzie de sto mônno matto
che nu je frega più si viè…o nun viene.

Ma nun badàcce…nun te la stà a prènne…
Ché quella è ggènte poveraccia e basta!
Che penza che a stà senza le leggènne
se vive mèjo…Ma nu’ è più intusiasta!…

E si uno nu’ è intusiasta…è guasi morto…
Vòr dì che se stracina…ma nu’ è, vivo;
e che la pagherà, ché a tajà corto,
nun cià anticorpi contro er corosìvo.

Armando Bettozzi

§

Punta Buonfiglio a Manarola

Il cielo brilla ed è quieto il mare,

ascolto l’onda carezzar gli scogli,

riflette l’acqua verdi colli e cogli

di quella pace il lieve respirare.

 

In quel silenzio cerco il mio riposo

e trovo calma ed ho sereno il cuore.

Lieve una vela va senza rumore,

trasporta sogni che sognar non oso.

 

Si svaga la mia mente nel turchese

e le speranze mie son sempre tese

a viver di quiete tra quell’onde,

 

lo sguardo affonda dove si confonde

del mar la linea con l’azzurro velo,

sospeso è il tempo e nulla pare vero.

 

Salso respiro e nel profondo scende

la grazia dell’incanto che mi prende.

Piero Colonna Romano

Annunci
Published in: on giugno 11, 2017 at 09:07  Comments (11)  

Sarcofaghi

Dove se ne vanno le ricciute donzelle
che recano le colme anfore su le spalle
ed hanno il fermo passo sì leggero;
e in fondo uno sbocco di valle
invano attende le belle
cui adombra una pergola di vigna
e i grappoli ne pendono oscillando.
Il sole che va in alto,

le intraviste pendici
non han tinte: nel blando
minuto la natura fulminata
atteggia le felici
sue creature, madre non matrigna,
in levità di forme.
Mondo che dorme o mondo che si gloria
d’immutata esistenza, chi può dire?,
uomo che passi, e tu dagli
il meglio ramicello del tuo orto.
Poi segui: in questa valle
non è vicenda di buio e di luce.
Lungi di qui la tua via ti conduce,
non c’è asilo per te, sei troppo morto:
seguita il giro delle tue stelle.
E dunque addio, infanti ricciutelle,
portate le colme anfore su le spalle.
.
EUGENIO MONTALE
Published in: on giugno 11, 2017 at 07:34  Comments (4)  

Distacco

l’ultime suspire s’a purtate ‘o viento
dint’o core nun m’e rimaste che turmiento
pecché mò tanto dulore
pecch’ist’ammore
che sento pé ttè?
sule tu, sule tu
‘o ppuò sape’:
tu nun me vuò bbene cchiù
tu piense ’a ‘nato?
ma comme ‘o può pensà
doppo tanto che t’aggia amato
comme me può lassà
senza n’à lacrima
significa nun tenè l’anima
essere l’essere cchiù crudele
che si nutre sule ‘e fele

Giovanni De Simone

Published in: on giugno 11, 2017 at 07:04  Comments (8)  

Treni

Treni carichi di coloro

non considerati esseri umani,
ma carne da macello
senza più nome, senza più identità.
 
Umanità dolente
caricata su carri bestiame
con un biglietto di sola andata
fatto di urla, percosse e paura,
per un viaggio di ignota destinazione,
che porterà solo orrore e dolore
 
Treni che non danno possibilità
di gioire dello scorrere di un paesaggio,
che sono solo ammasso di persone
unite da un unico destino.
 
Percorsi interminabili
su binari che hanno un solo capolinea,
una sola fermata in questo viaggio
che è la perdita dei diritti umani
per gente accomunata da una sola colpa…
 
non avere colpe 
.
Patrizia Mezzogori
Published in: on giugno 11, 2017 at 07:01  Comments (5)  

Gioventù

Ti ricordi della prateria
coi tramonti mischiati alla terra
e i castagni sulla collina del bosco?

Lo ricordi il tavolo a forma di tronco
come un dolmen in giardino
che attendeva sacrelaute cerimonie
e battesimi nel Giordano di vino?

E le fragole contese ai grilli canterini?
e le ciliegie mai nate per geli improvvisi?

Ma il tempio era l’orto
con mio padre officiante
venti metri per tre
cornucopia di sudore
e verdure di stagione.

Ancora son pieni di voci
i gradini su cui sedevamo
ancora li vedo i volti amati
ancora stupisco del tempo passato
e chiedo perdono per aver un momento
pensato all’eternità.

Lorenzo Poggi

Published in: on giugno 11, 2017 at 06:58  Comments (8)