Amore

Una ragazza spaventata s’avvolgeva nella palude,
si diffondevano lugubri i motivi delle rane,
sui binari s’agitava qualcuno dai capelli rossi,

e rimbrottando passavano le locomotive coi boccoli.
Su coppie di nubi attraverso il delirio solare,
incalzava la foga di una  mazurca d’aria,
ed ecco io, torrido marciapiede di luglio,
mentre una donna getta baci come cicche!

Abbandonate le città, stupida gente!
Andate nudi a versare al solleone
vini ubriachi negli otri-petti,
pioggia-baci sulle braci-guance.

VLADIMIR VLADIMIROVIČ MAJAKOVSKIJ

Annunci
Published in: on giugno 12, 2017 at 07:41  Comments (3)  

The URI to TrackBack this entry is: https://cantierepoesia.wordpress.com/2017/06/12/amore-12/trackback/

RSS feed for comments on this post.

3 commentiLascia un commento

  1. Viva Max
    Tinti

  2. Mi unisco a Tinti, grazie caro Massimo. Roberta

  3. Sempre grazie Max! Piera


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: