Lo squalificato

cartellino-rosso-1-450x380

Nella formula 

“pane acqua amore”

trasparisce il senso

ma incide un controsenso,

mettiamo come centro

l’io sconnesso

votato alla mania

di essere più alto

della propria statura,

bara

tagliando i piedi del vicino

per vincere il traguardo

nella maratona della vita,

ma un sole lungo il varco

schiarisce le misure

della nebbia

e l’Arbitro lo espelle

dalla gara.

.

Giuseppe Stracuzzi

Published in: on giugno 25, 2017 at 07:24  Comments (13)  

Albero

Con Te

affondo radici

nella terra

in nutrimento.

Siamo

cuore

in arpeggi

di nidi

flauti di vento

eco

di stagioni

tatuate

espansione

di luce e ombra.

Eleviamo

braccia

quiete e forti

di solitudini

colori

di poesie

su foglie

respiro odoroso

d’Amore

sul collo del cielo.

.

Graziella Cappelli

Published in: on giugno 25, 2017 at 07:09  Comments (16)  

Falò

Un anno d’altri tempi. E pur lontana
torni nei sogni ancora, e pur sei viva
col sorriso e i tuoi occhi misteriosi
anche se resti sull’opposta riva.

Filo d’ombra che in sogno si dipana
e pei tumulti del mio cuor si perde
come nel vuoto un eco di campana,
alga verde nel mar del sentimento.

Palpito lieve come la risacca
che continua a agitare la mia fiamma
fino al guizzo final; già che si stacca
la sabbia dalla cenere nel vento.

Santi Cardella

Published in: on giugno 25, 2017 at 07:03  Comments (12)  

E’ tardi

.
E’ tardi. E’ molto tardi. E’ bene che si vada.
Vieni, dammi la mano;
rifacciamo la strada.
La tua casa è lontano.
Perché taci e ti guardi
la punta delle dita?
Piccola tu, mia vita,
vieni, fa tardi.
Le nubi si sono raccolte
tutte su Monte Mario
chiudendo l’ali grigie.
Tu piangi e non sai perché piangi.
S’accendono i lumi;
tu vorresti dirmi qualcosa
e mi accarezzi le mani
e i tuoi occhi luccicano
tra le lacrime. –
Vieni, dammi la mano;
è bene che rincasiamo.
Non dirmi nulla: io so bene
perché tu piangi.
Andiamo, mia piccola, vieni. –
Tu piangi perché fa sera.
.
NINO OXILIA
Published in: on giugno 25, 2017 at 06:53  Comments (5)