Buone vacanze a tutti!

Come di consueto, con l’arrivo dell’estate, il Cantiere si ferma per consentire a tutti di sgombrare la mente e dedicarsi al meritato riposo. Quest’anno la pausa è più breve e si limita al solo mese d’agosto, per cui ci rivedremo molto presto con le vostre poesie e quelle dei classici, alcune già programmate e messe “in fresco” per settembre. Come al solito però non vi lasciamo soli, e dedicheremo questo mese ad una piccola rassegna geo-fotografica: si tratta dei miei “luoghi del cuore” in Italia, luoghi in cui mi sono sentito felice e dove mi piacerebbe tornare per ritrovare le sensazioni di un tempo. Buone vacanze a tutti!

Il Cantiere

Annunci
Published in: on luglio 31, 2017 at 08:44  Comments (12)  

Canzone di giugno

Stormiscono le fronde
nell’aria greve e il sole
ride alle prataiole
ed alle biche bionde,
e rende tutto l’oro
il campo donde arriva
la canzone giuliva
dell’agreste lavoro.
Ecco, è piena la spiga
e la falce è nel pugno;
il buon sole di giugno
rallegra la fatica.
E la canzone sale
dal campo del lavoro
e s’accompagna a un coro
stridulo di cicale;
e sale il canto anelo
da bocche più lontane
lodando in terra il pane
ed il buon padre in cielo.

MARINO MORETTI

Published in: on luglio 31, 2017 at 07:38  Comments (4)  

L’anima del passato

Angosce o passïoni,
consegna tutto al fiume
che indifferente e lento
nel mare le trasporta.

Non vedi che la vita
che animava il passato
nel quadro restaurato
è una natura morta?

Le speranze, o poeta,
durano un sol momento;
finché s’acqueta il fiume
indifferente e lento.

Tutto muore; ogni cosa
ch’arse ritorna a Dio.
E il ricordo riposa
nel mare dell’oblio.

Santi Cardella

Published in: on luglio 31, 2017 at 07:35  Comments (6)  

Un’ape

Un’ape

mai stata regina

nei muri sgretolati

di una terra senz’acqua

dove l’albero

è solco stroncato

da licantropi

umani

privi d’amore

 

Gavino Puggioni

Published in: on luglio 31, 2017 at 07:31  Comments (3)  

Riepilogo

Ripensa a tutti i fiori che non colse,
ai tanti amor perduti,
ai libri che non lesse.

Ora che il tempo volge al suo tramonto,
or che s’appanna il sole
e senno più non scalda,
finiscono quell’ore di speranza.

Ore di fantasie ed emozioni,
di sogni, di disegni e di illusioni,
svanite nel trascorrere impietoso
d’un’altra età fremente di passioni.

Reclina il capo stanco e la sua mente
resta solo in attesa
dell’ultimo riposo.

Piero Colonna Romano

Published in: on luglio 31, 2017 at 07:25  Comments (6)  

Una rosa in fiore

(Dedicata alla mia cara mamma)

 

Una rosa in fiore

tace e giace

sulla fredda lapide

di te resta poco

ciò che vale

recondito sta

nel forziere del cuore.

Di te mamma

ho stemperato il pianto

lavato i panni

del tuo male oscuro

di te ho impresso

il sorriso dei giorni felici

di te ho un tenero ricordo

mani sempre tese

che non si staccavano

mai si stancavano

a cercare sicuro abbraccio

come uccello il nido.

 

Roberta Bagnoli

Published in: on luglio 30, 2017 at 07:26  Comments (16)  

Metamorfosi d’amor

Qual farfalla innamorata si posò su un fiore
esser quello credeva dell’amore ma lieve
il profumo lì non vi trovò alcun vero piacere
venne la sera diventò falena lampada rossa
colorata bella nascosto lì pensò ecco l’amore
si avvicinò poi sopra vi si pose e si bruciò l’ali
d’amor tanti i sembianti e pene d’amore tante
un favo dolce stillante delicato miele lì solo
disse troverò l’amore e qual orso desioso tanto
per quel biondo nettare gustar verso l’alvear
alzò una zampa d’api uno sciame e si trovò a
scappare una goccia di miel per terra cadde
sarò mosca si disse e lì dentro s’andò a tuffare
ritentò di volare ma invan così morì d’amore
d’amor tanti i sembianti tanti quelli d’amanti
e per amore fino a morir le pene tante tante!

Giuseppe Gianpaolo Casarini

Published in: on luglio 30, 2017 at 07:21  Comments (4)  

A te chiedo

.
Portami via coi tuoi respiri
dove un tramonto risveglia i sogni
lungo un sentiero di primavera
come petalo in palmo di mano
Sono qui
sul ciglio di un arcobaleno
qui a prepararti un sogno
ed un tappeto d’aria dell’estate
dove posare i tuoi sospiri
Rapiscimi come vento
fra le righe dei tuoi pensieri
dove il tempo non ha fine
e il passato non ritorna
Ti porto qui
dove s’infrange l’orizzonte
qui dove si perde il giorno
ed il futuro ha frange colorate
per disegnare i tuoi pensieri
Nascondimi
nel ritmo dei tuoi battiti
e riempi ancora la notte
mentre gocce di rugiada
accarezzano il mio sonno
….
Ti lego qui
dove non ci son mai corde
qui dove il cuore è un rifugio
ed il suo battere è strumento
a riscaldarti il sonno
.
Patrizia Mezzogori  e  Renato Fedi
Published in: on luglio 30, 2017 at 07:20  Comments (5)  

John Anderson

.
John Anderson my jo, John,
    When we were first acquent,
Your locks were like the raven,
      Your bonie brow was brent;
But now your brow is beld, John,
      Your locks are like the snaw,
but blessings on your frosty pow,
      John Anderson, my jo!
John Anderson my jo, John,
      We clamb the hill thegither,
And monie a cantie day, John,
      We’ve had wi’ ane anither;
Now we maun totter down, John,
      And hand in hand we’ll go,
And sleep thegither at the foot,
      John Anderson, my jo!
.
§
.
John Anderson, mio caro, John,
quando ci conoscemmo,
i tuoi capelli eran simili a corvo,
la tua bella fronte era liscia;
ma ora la tua fronte è spoglia, John,
i tuoi capelli son come neve;
ma sia benedetta la tua testa bianca,
John Anderson, mio caro.
John Anderson, mio caro, John,
il colle abbiam salito insieme;
e molti lieti giorni, John,
l’un con l’altro abbiamo trascorsi:
ora, barcollando, lo dobbiamo discendere, John,
ma scenderemo tenendoci per mano,
e a piè del colle dormiremo insieme,
John Anderson, mio caro.
.
ROBERT BURNS
Published in: on luglio 30, 2017 at 07:19  Lascia un commento  

I versi più belli

Uscito indenne dall’oscuro lago
nel quale quella volta entrai,
quell’unica volta
che alla vita io non ho creduto,

su lastra di cielo
inciderei all’istante
un po’ di mio sereno ritrovato.

Ma i versi più belli, i migliori,
i soli di cui mi sento capace,
sono sempre quelli scolpiti nel cuore.

Aurelio Zucchi

Published in: on luglio 29, 2017 at 07:39  Comments (3)