Roma…che te succede…Roma…?

Tu nu li stai più a règgeli, li moccoli…
E è da ‘ n ber po’! oramai…Che te succede?
Te sei così cammiàta…’N ce se crede!
Forze è che ‘n c’è più chi te se còccoli?

O è che…n ce stanno moccoli da règge?
Fortuna, a mme quer giorno me l’hai retti
e ancora sto a godémmene l’effetti…
Ma a queli, mo’, de mo’…chi li protegge…?

Chi je la dà ‘na mano…Nun vòi pròpio?
Che stai a ddì?…Sei demoralizzata?…
Gni vòrta…ciaschiduno…è ‘na tranvata…
Stai come chi cià avuto un quarche spropio?..

E tutti li casini che ogni ggiorno
te tòcca a sopportà…?…Eh!…te capisco…
Chiacchiere…assai!…Ma è solo e sempr’er disco
de sonatori che gne frega ‘n corno!

Eh, ssì!…Eh, ggià!…Si ciai raggione, Roma!
Cell’hai a sprofusione! Sii dannato
chiunque te fa stàtte nde sto stato
che si nun passa…te se port’ar coma!

Ma nun sia mai!! Roma, fa’ quarcosa…
Nun so che cosa…Invèntetela te…
Co chi dovrebbe fà, ma…penz’ a ssè,
‘ncomincia a ffàtte…assai più irispettosa!

Armando Bettozzi

Annunci
Published in: on luglio 16, 2017 at 07:35  Comments (3)  

Aprimi fratello

OUVRE-MOI, MON FRÈRE !

J’ai frappé à ta porte,
j’ai frappé à ton coeur
pour avoir un bon lit,
pour avoir un bon feu.
Pourquoi me repousser ?
Ouvre-moi, mon frère !…

Pourquoi me demander
si je suis d’Afrique,
si je suis d’Amérique,
si je suis d’Asie,
si je suis d’Europe ?
Ouvre-moi, mon frère !….

Pourquoi me demander
la longueur de mon nez,
l’épaisseur de ma bouche,
la couleur de ma peau
et le nom de mes dieux ?
Ouvre-moi,mon frère !….

Je ne suis pas un Noir,
je ne suis pas un Rouge,
je ne suis pas un Jaune,
je ne suis pas un Blanc,
mais je ne suis qu’un homme.
Ouvre-moi, mon frère !…

Ouvre-moi ta porte,
ouvre-moi ton coeur
car je suis un homme,
l’homme de tous les temps,
l’homme de tous les cieux,
l’homme qui te ressemble !…

§

Ho bussato alla tua porta
ho bussato al tuo cuore
per avere un letto
per avere del fuoco
perché mai respingermi ?
Aprimi fratello !

Perché domandarmi
se sono dell’Africa
se sono dell’America
se sono dell’Asia
se sono dell’Europa ?
Aprimi fratello !

Perché domandarmi
quant’è lungo il mio naso
quant’è spessa la mia bocca
di che colore ho la pelle
che nome hanno i miei dèi ?
Aprimi fratello !

Io non sono nero
io non sono rosso
io non sono giallo
io non sono bianco
non sono altro che un uomo.
Aprimi fratello !

Aprimi la porta
aprimi il tuo cuore
perché sono un uomo
l’uomo di tutti i tempi
l’uomo di tutti i cieli
l’uomo che ti somiglia !

RENÉ PHILOMBÉ

Published in: on luglio 16, 2017 at 07:29  Comments (3)  

Libertè, egalitè, fraternitè

Avete esultato per i francesi

tutti contagiati da macronite.

Ora che s’è svelato, che ne dite?

E’ proprio il migliore dei Paesi

 

quello che rinnega principi e tesi,

zoccolo duro dell’idee ardite

d’umanità, dal mondo recepite

come valori solidi e protesi

 

a dare un senso al vivere comune?

E’ questo il modo d’essere europeo?

Ricacciare i migranti tra le dune?

 

La terra con tanti figli d’Alceo

s’è svegliata con al collo la fune:

dell’egoismo è rispuntato il neo.

 

Umberto Marinello

Published in: on luglio 16, 2017 at 07:18  Comments (2)  

Un gradino

Passo dopo passo
parole su parole
ti costruisci una vita
che non sai cosa sia
un paradiso
sopra manti di mani
mani con mani
che costruiscono scale senza scalini
una catena che spezza se stessa
idea da idea
e ti costruisci un amore sui cieli
friabili stelle memorie e neurosi
che bastano ad ogni tuo giorno
per salire alla casa sopra i tetti
basta che ogni giorno
ti costruisci un gradino.

Enrico Tartagni 

Published in: on luglio 16, 2017 at 07:05  Comments (1)