Romanza

Prono, su ‘l mar natale
cui nasconde la duna,
ride il sole autunnale,
dolce come la luna.

S’ode il mare pe ‘l lido
gemere, lento e grave;
s’ode talora il grido
fievole d’una nave

che faticosa in vano
lotta co ‘l vento avverso,
o il richiamo lontano
d’un uccello disperso,

o l’improvviso tuono
d’un’onda più gagliarda.
Ride il sole, già prono,
e dolcemente guarda.

GABRIELE D’ANNUNZIO

Published in: on settembre 2, 2017 at 07:16  Comments (5)  

The URI to TrackBack this entry is: https://cantierepoesia.wordpress.com/2017/09/02/romanza/trackback/

RSS feed for comments on this post.

5 commentiLascia un commento

  1. Un abbraccio caro Max! Piera

  2. Bentornato, Max. Un caro saluto. Per quanto riguarda “Romanza” diciamo che D’Annunzio ha poi scritto di meglio, per fortuna. Piero

  3. Grazie Max! Come mi sento vicino a questi versi, che pur non trattando di un argomento profondo sono musica!
    Alberto B.

    • Ciao caro amico
      Tinti

  4. E un abbraccio anche da me… sempre!
    Sandro


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: