Non voglio…

non voglio giudicare
ma
non odi l’urlo
del mio cuore
quando metti sale
sulle sue ferite?

non voglio aggettivare
ma
non odi il suono
della mia voce
quando dico il tuo nome?

viene la sera
ti lascio il giorno
ma
non togliermi
il dolce amore delle tenebre

Giovanni De Simone

Annunci
Published in: on settembre 6, 2017 at 07:43  Comments (12)  

Addio

Mi ti ero affezionato,
anzi ti ho quasi amato.
Mi portavi con te,
ti portavo con me.
Insieme siamo stati
nella pioggia e nel vento,
con sole e con tempesta
per paesi fatati
senza aver un tormento
con la tua bella cesta.
Il color verde giada
spiccava per la strada;
e quando tu passavi
t’ammiravano gli avi,
i giovani e i bambini
ed anche gli sposini.
Purtroppo sei invecchiata,
sei stata ritoccata,
fai fatica in salita
e più non fai una gita.
Dobbiamo separarci,
l’addio dobbiamo darci
presso l’autosalone
della ditta Rondone,
oggidì alle diciotto
col cuore tutto rotto.

Nino Silenzi

Published in: on settembre 6, 2017 at 07:40  Comments (5)  

Depressione

Svegliarsi già stanchi

da tornare a dormire

muoversi a rilento

e non sapere come fare

per arrivare a sera

fuori c’è buio col sole

la serenità, la gioia

sono solo una chimera

Mi fanno compagnia

le mie delusioni

le mie sconfitte

la mia malinconia

Mi nutro di ricordi

passate sensazioni

affacciato alla finestra interiore

della mia palafitta

che si erge instabile

in mezzo a un lago fermo

senza onde di emozioni.

 

Sandro Orlandi

Published in: on settembre 6, 2017 at 07:08  Comments (17)  

Ti dirò un gran segreto

JE VAIS TE DIRE UN GRAND SECRET…

Je vais te dire un grand secret Le temps c’est toi
Le temps est femme Il a
Besoin qu’on le courtise et qu’on s’asseye
À ses pieds le temps comme une robe à défaire
Le temps comme une chevelure sans fin
Peignée
Un miroir que le souffle embue et désembue
Le temps c’est toi qui dors à l’aube où je m’éveille
C’est toi comme un couteau traversant mon gosier
Oh que ne puis-je dire ce tourment du temps qui ne passe point
Ce tourment du temps arrêté comme le sang dans les vaisseaux bleus
Et c’est bien pire que le désir interminablement non satisfait
Que cette soif de l’œil quand tu marches dans la pièce
Et je sais qu’il ne faut pas rompre l’enchantement
Bien pire que de te sentir étrangère
Fuyante
La tête ailleurs et le cœur dans un autre siècle déjà
Mon Dieu que les mots sont lourds Il s’agit bien de cela
Mon amour au-delà du plaisir mon amour hors de portée aujourd’hui de l’atteinte
Toi qui bats à ma tempe horloge
Et si tu ne respires pas j’étouffe
Et sur ma chair hésite et se pose ton pas

Je vais te dire un grand secret Toute parole
À ma lèvre est une pauvresse qui mendie
Une misère pour tes mains une chose qui noircit sous ton regard
Et c’est pourquoi je dis si souvent que je t’aime
Faute d’un cristal assez clair d’une phrase que tu mettrais à ton cou
Ne t’offense pas de mon parler vulgaire Il est
L’eau simple qui fait ce bruit désagréable dans le feu

Je vais te dire un grand secret Je ne sais pas
Parler du temps qui te ressemble
Je ne sais pas parler de toi je fais semblant
Comme ceux très longtemps sur le quai d’une gare
Qui agitent la main après que les trains sont partis
Et le poignet s’éteint du poids nouveau des larmes

Je vais te dire un grand secret J’ai peur de toi
Peur de ce qui t’accompagne au soir vers les fenêtres
Des gestes que tu fais des mots qu’on ne dit pas
J’ai peur du temps rapide et lent j’ai peur de toi
Je vais te dire un grand secret Ferme les portes
Il est plus facile de mourir que d’aimer
C’est pourquoi je me donne le mal de vivre
Mon amour

§

Ti dirò un gran segreto Tu sei il tempo
Il tempo è donna Ha
Bisogno d’esser corteggiato ha bisogno che ci si segga
Ai suoi piedi il tempo come una veste da sciogliere
Il tempo come una chioma senza fine
Pettinata
Uno specchio che il respiro appanna e spanna
Il tempo sei tu che dormi nell’alba in cui mi sveglio
Sei tu come un coltello che trafigga la mia gola
Oh non posso dire questo tormento del tempo che non passa
Questo tormento del tempo imprigionato come il sangue nelle vene azzurre
Ben peggiore del desiderio interminabilmente insoddisfatto
Di questa sete dell’occhio quando cammini nella stanza
E io capisco che non si deve rompere l’incantesimo
Ben peggiore del sentirti estranea
Sfuggente
La testa altrove e il cuore già in un altro secolo
Mio Dio come pesano le parole È proprio questo il punto
Amore mio oltre il piacere amore mio fuori di portata oggi fuori tiro
Tu che batti alla mia tempia orologio
Se tu non respiri sono io che soffoco
E sulla mia carne esita e si posa il tuo passo

Ti dirò un gran segreto Ogni parola
Sulle mie labbra è una mendica che chiede
Una miseria per le tue mani una cosa che s’oscura sotto il tuo sguardo
Ed è perché io dico così spesso che ti amo
Colpa di un cristallo troppo chiaro di una frase che porteresti al collo
Non t’offendere per le mie parole banali. È
L’acqua pura che fa questo brusio spiacevole sul fuoco

Ti dirò un gran segreto Io non so
Parlare del tempo che ti somiglia
Non so parlare di te fingo soltanto
Come quelli che da molto tempo sul marciapiede d’una stazione
Agitano la mano dopo che i treni sono partiti
E il polso cede sotto il peso nuovo delle lacrime

Ti dirò un gran segreto Ho paura di te
Paura di quel che t’accompagna la sera verso le finestre
Dei gesti che fai delle parole che non si dicono
Ho paura del tempo rapido e lento ho paura di te
Ti dirò un gran segreto Chiudi le porte
È più facile morire che amare
Per questo cerco di vivere
Amor mio

LOUIS ARAGON

Published in: on settembre 6, 2017 at 07:02  Comments (1)