Mia…tua…

cimg7467
.
e tu dicevi mia…
spogliarti voglio l’anima
tu devi esser… mia
 
ed era tormento
sentir la gelosia,
il cuore palpitare
per le parole accese
 
… e venne la paura
che fosse solo gioco
nel buio della notte,
ma mi prendevi l’anima
con la tua melodia
 
…la voglia e il desiderio
di risentir la voce
che ancora torna a dire …
 
mia,
tu devi esser mia
sei la mia congiunzione
il punto di simbiosi
mi leggi dentro il cuore
mi rubi le parole
 
…tua,
io voglio esser tua,
ma è spenta quella voce
e resta vana attesa
di un’alba che non sorge
 
…e or mi metto a nudo
aperta a questo rischio
di non udir parola
che torni a dire
 
… mia
.
Patrizia Mezzogori
Annunci
Published in: on settembre 7, 2017 at 07:19  Comments (6)  

Uno stupido poeta senza mani

Ho saputo che ti hanno messo gli occhi,
due gazze furiose a rapinare la luce dai rami…
ed ora sai che non sono quel volatile inciso sotto al neon blu
dei bagni pubblici, 27 centimetri di solitudine,
ma soltanto uno stupido poeta senza mani
sdraiato a bivaccare sul molo, aspettando la corda
che mette a letto le navi.

Massimo Pastore

Published in: on settembre 7, 2017 at 07:17  Comments (4)  

Gli aliti di Eolo

I FIÈ D EOLO


Atâc a cl’âlber

ai éra di psarlén coi bâfi
ch’i scusèven la cô
cme par dîr:
“Che blazza da qué só
vàdder la źänt là źå
córrer cme di danè
e nuètr invêzi qué pr âria
stuzighè
dai fiè d’Eolo!

A sän magâra cuntént
ed sta libertè,
mâi pió sänper sått’âcua
ch’at véggn di reumatîśum
ch’an t i chèva d adôs…
gnanc Murri!”

§

Appesi a quell’albero
c’erano pesciolini baffuti
che scuotevano la coda
come per dire:
“Che bellezza da quassù
vedere la gente laggiù
correre come dei dannati
e noi invece qui all’aria
solleticati
dagli aliti d’Eolo!

Siamo molto contenti
di questa libertà,
mai più sempre sott’acqua
dove ti vengono dei reumatismi
che non te li leva d’addosso…
neanche Murri!”*

Sandro Sermenghi

*Augusto Murri, 1841-1932, famoso prof. di clinica medica: ti guardava e… diagnosticava!

Published in: on settembre 7, 2017 at 07:11  Comments (3)  

Non ho mai saputo il tuo nome

NUNCA SOUBE O TEU NOME

Nunca soube o teu nome. Entraste numa tarde,
por engano, a perguntar se eu era outra pessoa –
um sol que de repente acrescentava cal aos muros,
um incêndio capaz de devorar o coração do mundo.

Não te menti; levantei-me e fui levar-te à porta certa
como um veleiro arrasta os sonhos para o mar; mas,
antes de te deixar, disse-te ainda que nessa tarde
bem teria gostado de chamar-me outra coisa – ou
de ser gato, para poder ter mais do que uma vida.

§

Non ho mai saputo il tuo nome. Entrasti un pomeriggio,
per sbaglio, a domandare se io ero un’altra persona –
un sole che improvvisamente aggiungeva calce ai muri,
un incendio capace di divorare il cuore del mondo.

Non ti mentii; mi alzai e ti condussi alla porta giusta
come un veliero trascina i sogni in mare; ma,
prima di lasciarti, ti dissi ancora che in quel pomeriggio
mi sarebbe piaciuto molto chiamarmi un’altra cosa – o
essere un gatto, per poter avere più di una vita.

MARIA DO ROSÁRIO PEDREIRA

Published in: on settembre 7, 2017 at 07:09  Comments (3)