E tu ne’ carmi avrai perenne vita

E tu ne’ carmi avrai perenne vita
sponda che Arno saluta in suo cammino
partendo la città che dal latino
nome accogliea finor l’ombra fuggita.

Già dal tuo ponte all’onda impaurita
il papale furore e il ghibellino
mescean gran sangue, ove oggi al pellegrino
del fero vate la magion si addita.

Per me cara, felice, inclita riva
ove sovente i pie’ leggiadri mosse
colei che vera al portamento Diva

in me vologeva sue luci beate,
mentr’io sentia dai crin d’oro commosse
spirar ambrosia l’aure innamorate.

NICCOLO’ UGO FOSCOLO

Annunci
Published in: on settembre 24, 2017 at 07:48  Comments (3)  

La coltre di misteri

La ragione fabbrica
giudizi
impone contenuti
ma viene sabotata
da pensieri
che invadono
la coltre di misteri.
Forse la morte
che cova dietro l’angolo
e sobilla
il beneficio delle opinioni
potrebbe almeno
tenderci la mano,
ma essa si nasconde,
non lascia trapelare
uno spiraglio
al pensiero sottile
che la insegue
e quando apre la porta
turba il cuore
col sarcofago muto.

Giuseppe Stracuzzi

Published in: on settembre 24, 2017 at 07:35  Comments (8)  

Incontri

Ho fatto nel mio cuore
il sacro cimitero
dei tramontati amori;
una piccola teca di farfalle
che hanno sorretto ed adornato il mondo.

Nei giorni di tempesta
siedo dopo il crepuscolo fra questi
alti cipressi e palme solitarie
ove mi sembra scorger tra le fronde,
evocate da un sordo desiderio,
ombre e speranze consegnate al vento.

E m’è dolce rifugio e amaro unguento
commemorare.

Santi Cardella

Published in: on settembre 24, 2017 at 07:33  Comments (5)  

Essendo luce

dopo l’arrampicata a mani nude
le dita stanche lasciano la presa
ma invece di cadere
planiamo inversamente verso il cielo

sopraffatti da mezze verità
non ci appartiene la sapienza intera
__l’apparenza è dei minimi sistemi
i massimi risultano infiniti__
e dunque veleggiamo in espansione
dalle regioni ombrose a quelle chiare
sorpresi di far parte del mistero

Cristina Bove

Published in: on settembre 24, 2017 at 07:30  Comments (4)