La Georgia in sogno

La Georgia in sogno– ecco la  felicità!
E  verso il mattino così nitida
è la dolcezza dell’uva,
ispirate sono  le labbra.
Non è questo che rimpiango,
nulla io desidero –
nella dorata Svetitskhoveli
accendo un umile candela.
Alle piccole pietre di Mtskheta
Rendo lode e onore.
Mio Dio, fa che sia così come
adesso nei secoli dei secoli.
Fa che sempre  a me siano note
e che mi ammalino
della nazione natia la dolcezza,
della nazione straniera la tenerezza.

BELLA ACHATOVNA ACHMADULINA

Published in: on ottobre 27, 2017 at 07:35  Comments (1)  

Adesso che

Adesso che il buio

ha ricoperto

queste foglie d’anemoni

sento l’avvicinarsi

di un’altra alba

da ridipingere

 

Nei solchi stropicciati

di una terra arida

un cardellino

pigola

al sole…

ma è solo

 

Gavino Puggioni

Published in: on ottobre 27, 2017 at 07:23  Comments (1)  

Giappone

Himiko sa, muore e sa amare
sorride al Sole e alla sua Terra sale
figlia colpita al cuore
da Samurai che nasce dall’onore
migrazioni infinite finite con il male
risvegliàta nella luce dalle scosse dei suoi Kami
atomi e isole nel mare
Himiko scompare con l’Anima tra le mani.

Enrico Tartagni

Published in: on ottobre 27, 2017 at 07:00  Comments (1)  

Eppure

M’invade la rabbia

ogni giorno

nel vedere l’ingiusto

ancor di più

l’indifferenza all’ingiustizia

e sento la rassegnazione

l’amarezza

prendere il posto

all’antica fiducia

eppure

ti accompagnerò al mondo

tenendo una mano

ogni giorno più grande

perché ci sarà sempre

un tramonto da guardare

e un’alba da attendere

e una donna da seguire

e

ci saranno lacrime

e la voglia di arrendersi

ma imparerai

da solo, all’improvviso

a proteggere la scintilla

tenere acceso il sogno

fino al momento in cui

anche solo un attimo

potrai dire

sono arrivato.

 

Gian Luca Sechi

Published in: on ottobre 27, 2017 at 06:52  Comments (1)